Roseto, approvato il nuovo regolamento del Consiglio

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

780

ROSETO. Aumentati i tempi di deposito dei documenti e prevista la possibilità di presentazione di ordini del giorno da parte di un solo Consigliere. «Un lavoro approfondito che ha visto una partecipazione fortemente motivata di tutti i Consiglieri».
Con queste parole il presidente del Consiglio Comunale Achille Frezza ha sottolineato la conclusione dell'iter che ha portato alla modifica del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale. «Sono molto soddisfatto del lavoro svolto dall'apposita Commissione che ha ottenuto un importante riconoscimento da parte del Consiglio. Il risultato del confronto in Aula - ha aggiunto Frezza – è stato costruttivo perchè maggioranza e opposizione hanno lavorato per raggiungere una sintesi equilibrata e in alcuni casi le giuste istanze delle opposizioni sono state accolte, come pure alcune proposte della stessa maggioranza tese a migliorare ulteriormente il funzionamento dell'organo consigliare».
Approvato a maggioranza assoluta nel corso dell'ultima assise, il nuovo regolamento è scaturito da un lavoro effettuato dalla Commissione consigliare appositamente istituita nel dicembre del 2006.
Il lavoro di riscrittura dei 49 articoli e dei numerosi commi di cui è composto il documento è durato circa undici mesi. (La Commissione ha avviato i propri lavori l'11 gennaio del 2007 e l'ultima seduta è stata quella del 9 novembre 2007).
Le modifiche più significative riguardano in particolare la presentazione delle mozioni e delle proposte di deliberazione che nel precedente regolamento potevano essere sottoscritte da un quinto dei consiglieri, mentre grazie alla modifica possono essere sottoscritte da uno o più consiglieri.
Modificati anche i tempi di deposito dei documenti relativi agli argomenti posti all'ordine del giorni che passano da due a quattro giorni lavorativi. Elevati inoltre da sette a dieci giorni i tempi di deposito per le proposte dei programmi di Opere pubbliche, Regolamenti e Piani urbanistici.
I termini di consegna dell'avviso di convocazione del Consiglio, in caso di argomenti aggiunti dopo la prima convocazione, passano da 24 a
48 ore, stessa cosa per il deposito dei documenti posti in deliberazione.
Allo stesso articolo è stato aggiunto inoltre un comma in cui si prevede che la Conferenza dei Capigruppo, su richiesta del Sindaco o della Giunta, può riconoscere la particolare urgenza di una proposta non ricompresa nell'ordine del giorno di prima convocazione e accettare di porre in deliberazione la proposta 24 ore dopo averne dato avviso a tutti i Consiglieri.
Novità anche per le Interrogazioni. Rimane la possibilità per ogni Consigliere di presentarne un massimo di due, ma in caso se ne presenti la necessità, può essere convocato un apposito Consiglio Comunale esclusivamente per le interrogazioni. Le votazioni palesi avverranno per chiamata nominale (prima erano ad alzata di mano) salvo i casi di votazione proposti dal Presidente per alzata di mano.
Prima di ogni votazione inoltre, il Presidente designerà tre scrutatori tra i Consiglieri in modo da garantire la rappresentanza delle minoranze.
Rimodulati anche i tempi di discussione che passano da 20 a 15 per i Capigruppo, da 15 a 10 per i Consiglieri, le repliche passano da 10 a
5 e le dichiarazioni di voto passano da 5 a 3 minuti.
Invariati invece i tempi previsti per le interrogazioni, gli emendamenti, le comunicazioni le interpellanze e gli interventi per fatto personale.
Una curiosità tra le modifiche del regolamento, al comma 2 dell'articolo 3 si dice che la Commissione dà mandato al Presidente di attivare le procedure per la realizzazione della bandiera della Città.

07/12/2007 10.00