Via libera alla realizzazione della Caserma dei Carabinieri

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1089

PESCARA. «La riunione di oggi 6 dicembre del Siit, il Comitato tecnico amministrativo del Ministero delle Infrastrutture a Roma, ha definito il passaggio conclusivo del complesso itinerario per la realizzazione del nuovo comando provinciale dei Carabinieri presso l’area degli ex Monopoli». Lo ha annunciato poco fa il sindaco Luciano D’Alfonso. AN:«SULLA CASERMA IL SOLITO IMBROGLIO MEDIATICO DEL SINDACO»
Il Comitato, nell'adunanza n. 36, ha approvato e finanziati i lavori del primo lotto funzionale, dell'importo di 3. 877.387,78 euro che con il valore dell'area, arriva a 5.800,000 di valore.
Tutto il progetto è stato istruito e validato e con la progressività della realizzazione del cantiere, seguiranno le coperture finanziare relative ai due lotti successivi, in quanto l'intervento è stato riconosciuto quale intervento prioritario dal Dipartimento dell'edilizia statale.
«Un risultato di grande importanza per l'amministrazione comunale», dice il primo cittadino,«che in questi anni si è impegnata tenendo costantemente alta l'attenzione sulla definizione del progetto e sulla localizzazione nell'area degli ex Monopoli, definita la più adeguata dall'Arma dei Carabinieri, dai cittadini e anche dal sistema del governo locale, alle esigenze di controllo e di presenza sul territorio cittadino. Si tratta di un doppio risultato: di fatto si ottiene l'attesa sede del comando provinciale dell'Arma presso l'area degli ex Monopoli e un parco pubblico nel sito dove in un primo momento era stata progettata. Con la nuova localizzazione abbiamo salvato il parco originariamente previsto come sedime della sede dei Caserma dei Carabinieri, di proprietà del demanio e denominato ex camping. L'area, infatti, tra il 21 e il 28 di dicembre entrerà nel patrimonio del Comune e della città».
Secondo il sindaco tutto è stato possibile per l'opera di concertazione fra enti incentrata sull'importanza di dotare al più presto la città, l'Arma e la popolazione di «una struttura attesa, capace di potenziare in modo sensibile l'opera quotidianamente svolta dalle forze dell'ordine in merito alla sicurezza del territorio».

06/12/2007 14.41

AN:«SULLA CASERMA IL SOLITO IMBROGLIO MEDIATICO DEL SINDACO»


«Siamo di fronte solo ad un'ennesima operazione di imbroglio mediatico», esordisce An.
Secondo il partito di Fini il finanziamento di 3,8 milioni di euro sarebbe notizia vecchia. Del 2003. Lo dimostrerebbe questa tabella, del sito del Provveditorato alle opere pubbliche della Regione Abruzzo.
«Quindi il grande risultato è non aver ottenuto neanche un euro in più di quelli lasciati in dote da Nino Sospiri», spiega Sospiri nipote.
«Il Sindaco annuncia: “Che tra il 21 e il 28 dicembre l'area dell'ex monopolio passerà al Demanio così potrà iniziare la costruzione del Comando”, che bella scoperta», continua An, «ci sono voluti 2 anni, cioè dal 9.05.2005 giorno in cui il Consiglio Comunale ha approvato la localizzazione dell'opera nell'area dell'ex monopolio, per capire che per le più elementari norme del diritto di superficie lo Stato non poteva realizzare un'opera su un terreno di cui non godeva della proprietà».
«Invece di provare una ridicola mistificazione mediatica», attacca ancora il coordinamento provinciale, «il Sindaco ci mostri i documenti che attestano che è riuscito a rintracciare i 13 milioni di € che servono, causa blocco ideologico dei lavori presso l'ex camping prima localizzazione del progetto, per completare l'opera.
Sin qui non ha riportato nessun risultato in più di quelli già conseguiti non certo da lui, si è solo dato una svegliata da un lungo letargo durato oltre due anni a spese della sicurezza dei cittadini».

07/12/2007 14.21