Approvati il progetto definitivo del secondo lotto dell’Iti di Sant’Egidio

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

656

TERAMO. Due piani con 4 laboratori e 6 aule per un importo complessivo di 550 mila euro. Questo prevede il progetto del secondo lotto dell’ITI di Sant’Egidio, un istituto dedicato alla specializzazione per periti tessili nella confezione industriale.
L'intervento andrà in appalto nel 2008 e completerà una struttura didattica nata per rispondere alle esigenze produttive di un territorio fortemente ancorato, da un punto di vista economico, al settore tessile-abbigliamento.
Il primo lotto della scuola, ricompresa quest'ultima nella direzione dell'Istituto di istruzione superiore “Peano” di Nereto, fu inaugurata due anni fa.
«Con questo intervento completeremo un progetto che ci sta particolarmente a cuore, frutto di una bella sinergia fra istituzioni e mondo dell'impresa – commenta l'assessore all'edilizia scolastica, Nicola Di Marco -; i tempi di realizzazione dovrebbero essere relativamente brevi, i lavori, infatti, saranno portati a termine entro il 2008».
Approvato dalla Giunta anche il progetto per l'adeguamento alle norme antisismiche dell'ITC “Rosa” di Nereto.
L'edificio è situato nelle immediate vicinanze del centro storico del paese, in Via Veneto, ed è costituito da diversi corpi di fabbrica, ciascuno dei quali realizzato in epoche successive a partire dagli anni '60 ed in periodi in cui il territorio del Comune di Nereto non rientrava tra quelli classificati in “zona sismica”.
L'intervento di adeguamento costerà 1.126.986 euro; anche in questo caso i lavori saranno realizzati entro il 2008. E' il primo lotto di un programma complessivo di adeguamento strutturale anche sugli altri blocchi dell'edificio secondo metodologie analoghe al progetto già approvato.

05/12/2007 12.49