Grippo come Catanzaro, «a quando il licenziamento?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

5012

Grippo come Catanzaro, «a quando il licenziamento?»
PESCARA. Il sindaco di Roma, licenzia il Comandante dei Vigili Urbani della capitale. «A quando il licenziamento di Grippo da parte di D'Alfonso?», domanda Mattia Giansante dell'associazione La Radice.
Giovanni Catanzaro, il comandante dei vigili urbani di Roma è stato sorpreso qualche giorno fa (e fotografato dal Messaggero) a parcheggiare abusivamente la sua potente auto in zona vietata, approfittando di un contrassegno per la libera circolazione in uso ai disabili.
Il sindaco non ci ha pensato due volte e come Catanzaro è apparso sul giornale con foto che inchiodavano il suo parcheggio in zona Ztl l'ha rimosso dall'incarico.
«Per la funzione ricoperta dal soggetto che ha posto in essere tali fatti e per le circostanze in cui li ha commessi», ha scritto il sindaco Veltroni, «risultano gravemente compromessi la necessaria autorevolezza e l'indispensabile prestigio del Comandante generale del Corpo della Polizia Municipale, con nocumento per l'immagine dell'intero Corpo, comportando ciò incompatibilità con lo svolgimento delle funzioni di Comandante generale del Corpo».
«Bene ha fatto Veltroni», commenta Giansante, «al contrario del sindaco di Pescara D'Alfonso che sorvola sul comportamento del Comandante Grippo sorpreso a sostare la sua potente auto in zona vietata, che si arroga il potere di decidere sulla legittimità o meno di una delibera comunale; che viene multato dalla Polizia di Stato per guida senza cintura di sicurezza mentre parla al telefonino».
Come mai Veltroni si avvale del potere di licenziare il Comandante che non rispetta la legge mentre a Pescara D'Alfonso non se ne cura?
«Ed i partiti di maggioranza ed opposizione», si domanda Giansante, «cosa fanno per contrastare la clamorosa vicenda del Comandante Grippo?»
E proprio nell'occasione del divieto di sosta della sua auto i quotidiani parlarono di multa illegittima e annullata. Non solo ma per evitare discriminazioni si disse che oltre la multa al comandante dei vigili vennero annullate anche le multe agli altri residenti che avevano parcheggiato nel medesimo luogo.
In che modo vennero annullate tali multe? Quali procedure sono state seguite in quel caso?

30/11/2007 9.53