Vasto, ceduti i terreni per il nuovo ospedale

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

739

VASTO. Muove i primi passi, a Vasto, la costruzione del nuovo ospedale civile. Sembra così superato il punto di non ritorno.
Ieri mattina, in municipio, il sindaco, Luciano Lapenna e il manager della Asl di Lanciano-Vasto, Michele Caporossi, hanno sottoscritto il contratto di cessione dei terreni comunali di località Pozzitello, al confine con San Salvo, dove sorgerà la nuova struttura.
Il nuovo ospedale avrà una disponibilità di 280 posti letto e un bacino d'utenza di oltre centomila persone tra Chietino, Molise e Foggiano.
Il costo dell'area è stato fissato in 1.312.500,00 euro, mentre per realizzare il nosocomio servono 95.000.000,00 di euro, di cui
51.927.675,79 già disponibili, grazie ai fondi dell'articolo 20 della legge 67 dell'88, ai contributi regionali concessi nel 2003 e ai sensi della legge 135 del '90.
Sui tempi di realizzazione però non si fanno previsioni sicure. «Non voglio azzardare date e tempi -ha detto il manager Caporossi- perchè la provvista finanziaria non è ancora completa, ma è auspicabile che, a valere sulle risorse che verranno svincolate alla Regione Abruzzo a fronte del raggiungimento degli obiettivi concordati con il governo nel piano di risanamento, si preveda una cospicua provvista di finanziamenti in conto capitale per permettere il completamento dell'intero finanziamento necessario per questa fondamentale opera».
Sulla costruzione dell'ospedale, nei mesi scorsi, era nato anche un comitato che si era opposto alla nuova realizzazione in località Pozzitello.
Venne chiesto all'amministrazione di istituire un referendum per far scegliere ai cittadini.
Ma la consultazione non c'è mai stata. E oggi un passo importante è stato compiuto che probabilmente chiude definitivamente la partita.

22/11/2007 9.58