Fossacesia città sicura: arrivano i vigili ausiliari

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1046

FOSSACESIA. Arrivano i vigili volontari ausiliari a Fossacesia. Avranno una divisa con l’indicazione “unità ausiliaria volontaria” e cappello blu, per distinguersi facilmente dal cappello bianco dei vigili urbani.

Svolgeranno funzioni di vigilanza, dissuasione e prevenzione di comportamenti illeciti in stretta collaborazione con gli agenti di Polizia Municipale.
Il Consiglio comunale ha approvato nella scorsa seduta il regolamento che istituisce questa figura di volontariato a supporto della Polizia Municipale. Nell'ambito delle politiche di sicurezza del territorio, il Comune intende in questo modo potenziare le risorse umane impegnate nella prevenzione dei reati e nella vigilanza capillare sulle strade, per fornire la massima collaborazione alle forze dell'ordine.
«Abbiamo già diverse richieste che vengono soprattutto dai giovani, sensibili alle tematiche della sicurezza urbana. – ha detto il sindaco Enrico Di Giuseppantonio - Le esperienze positive registrate in altri settori di volontariato a Fossacesia, come con il Gruppo comunale di Protezione Civile, ci hanno spronato a regolamentare questo servizio che affiancherà il lavoro quotidiano del nostro Corpo di Polizia Municipale, con una particolare attenzione ai luoghi più frequentati dai cittadini e dai turisti».
I volontari presteranno servizio gratuito di vigilanza e primo intervento in particolare davanti alle scuole, nei parchi pubblici, nella zona di San Giovanni in Venere e nei mesi estivi sulla spiaggia.
Avranno compiti preventivi e dissuasivi rispetto ai comportamenti degli utenti della strada, siano essi pedoni che conducenti di auto, moto e bici, con l'obiettivo di tutelare la sicurezza di tutti.
«Con questa iniziativa vogliamo coinvolgere direttamente la cittadinanza al fine di dare un valido contributo alla sicurezza del territorio – ha aggiunto il sindaco Enrico Di Giuseppantonio - Un progetto ha risvolti importanti nel campo della educazione alla legalità e che riteniamo possa migliorare i rapporti tra le istituzioni preposte alla tutela dell'incolumità pubblica e i cittadini, responsabilizzando tutti al rispetto delle regole di convivenza civile».
15/11/2007 12.23