A rischio chiusura l'osservatorio del Gran Sasso

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2472

L’INTERROGAZIONE AL MINISTRO MUSSI



L'INTERROGAZIONE AL MINISTRO MUSSIL'AQUILA. Destinare più risorse all'Osservatorio del Gran Sasso e istituire due borse di studio per tecnico informatico ed elettrotecnico. Questo quanto chiede la presidente della Provincia dell'Aquila, in una nota inviata al sottosegretario di Stato, Giovanni Lolli, al presidente della Regione Ottaviano Del Turco, all'assessore regionale al lavoro, Fernando Fabbiani e al sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, per consentire la sopravvivenza dell'osservatorio aquilano.
Rischia di essere smantellata la stazione osservativa di Campo Imperatore, realizzata nel 1948 e usata da astronomi di tutto il mondo, dagli studenti dell'Università dell'Aquila, dall'Osservatorio astronomico di Teramo e dalle Università italiane, per le sue avanzate competenze in materia scientifica, rischia di essere smantellata.
L'istituto nazionale di Astrofisica, che dipende dal Ministero della Ricerca, ha infatti destinato risorse per il personale tecnico solo agli osservatori di Padova e Bologna, escludendo le stazioni di Campo Imperatore e Catania.
Pertanto la struttura aquilana non è in grado da sola di farsi carico delle spese per il personale tecnico, che ne garantisce la perfetta funzionalità.
«Per evitare che il nostro territorio perda anche questa importante struttura di ricerca è necessario uno sforzo comune», scrive la presidente della Provincia, che invita le altre istituzioni a intervenire presso il Ministero della Ricerca per destinare risorse anche alla struttura aquilana e a collaborare fattivamente per istituire, già dal 2008 due borse lavoro.
«Un tentativo comune tra tutti i soggetti istituzionali può evitare un ulteriore impoverimento strutturale, tecnologico e culturale del nostro territorio».
10/11/2007 10.04

L'INTERROGAZIONE AL MINISTRO MUSSI

Dopo la preoccupazione espressa dalla presidente della Provincia dell'Aquila il deputato di Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo ha presentato una interrogazione, a risposta scritta, al Ministro dell'Università e della Ricerca Mussi.
«La stazione osservativa di Campo Imperatore», scrive Acerbo, « viene utilizzata da astronomi di tutto il mondo, dagli studenti dell'Università' dell'Aquila, dall'Osservatorio astronomico di Teramo, e dalle Università Italiane , per le sue avanzate ricerche scientifiche rischia di chiudere i battenti. I ricercatori del laboratorio del Gran Sasso e il Dipartimento di Fisica dell'Università dell'Aquila in concerto con l'Osservatorio Argentino di Auger stanno lavorando sulle nuove ricerche sull'astronomia dei raggi cosmici ad altissima energia».
«Quali soluzioni», chiede il deputato, «il Ministro interrogato intenda prendere per garantire adeguato supporto a questa importante struttura di ricerca e se intende far pervenire risorse anche alla struttura aquilana?»
16/11/2007 8.40