«I cittadini hanno scelto come rifare la città»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

839

PESCARA. Ieri alle 18.00, presso il Museo d'Arte moderna Vittoria Colonna, si è conclusa con il voto dei cittadini la prima fase del Percorso partecipativo per la redazione del Piano di recupero di iniziativa pubblica del comparto urbano racchiuso tra le vie Tasso, De Sanctis, Ariosto e Trilussa.
Dopo il primo Forum di discussione dell'11 ottobre scorso, 230 famiglie residenti nell'ambito più direttamente interessato dall'intervento hanno ricevuto la scheda e 54 di esse hanno votato su tre ipotesi di massima.
Le tre soluzioni prevedevano altrettanti indirizzi:
conservazione/ricostruzione con prevalente conservazione (ipotesi "A"), conservazione/ricostruzione con prevalente ricostruzione ("B"), ricostruzione integrale con massimizzazione degli spazi aperti a fruibilità pubblica ("C").
34 votanti hanno preferito la terza modalità di intervento (ipotesi "C"), mentre altri 14 e 2 hanno optato rispettivamente per le ipotesi "B" e "A" (conservazione/ricostruzione). 4 votanti non hanno espresso un'indicazione mentre diverse schede, essendovi lo spazio per annotazioni e suggerimenti, contenevano i commenti dei cittadini.
Lo spoglio delle schede, al quale hanno assistito oltre 30 cittadini, è stato occasione di ulteriore discussione sulle scelte da intraprendere.
«Essendo il Piano di recupero di iniziativa pubblica – ha spiegato l'assessore Tommaso Di Biase - i privati dovranno realizzarlo sulla base di precisi indirizzi espressi dagli Uffici comunali. Abbiamo scelto un percorso aperto, basato sul voto ma anche sui forum di discussione, che ci ha fornito l'indirizzo sul quale lavoreremo considerando anche le indicazioni emerse nell'incontro di ieri».
Una particolare attenzione sarà dedicata alla verifica delle volumetrie esistenti, dal momento che il Piano di recupero, insistente su un ambito intensamente edificato, non prevede il premio di cubatura normalmente attribuito per l'attuazione di questa tipologia di interventi.
«Presteremo grande attenzione verso i dettagli progettuali – ha concluso l'assessore – avendo cura di coinvolgere ulteriormente la cittadinanza in modo tale da soddisfare al massimo tutte le istanze, anche quelle espresse durante lo scrutinio di ieri».


31/10/2007 11.04