Assessore all'ambiente contro la Tema: «non sa comunicare con i cittadini»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

653

CHIETI. L'assessore all'Ambiente del Comune di Chieti, Bassam El Zohbi ha ricevuto dal sindaco di Chieti la delega all'Ambiente e dopo aver fatto fronte alle prime emergenze, ha cominciato ad effettuare sopralluoghi nella città. E la prima critica la rivolge alla società che gestisce la raccolta dei rifiuti.
«Ritengo di poter affermare», ha spiegato l'assessore, «che le maestranze addette al servizio sono altamente qualificate e dedite al proprio lavoro con il massimo impegno e professionalità».
El Zohbi ha inoltre sottolineato come «le molteplici esigenze di un servizio così complesso e certamente non facile creano involontari disservizi certamente non imputabili a questa amministrazione comunale».
I disservizi, secondo l'assessore, sarebbero causati «da una non sempre puntale organizzazione all'interno della Società Tema», che gestisce, per conto del Comune di Chieti, il servizio di Raccolta dei Rifiuti e di pulizia della città.
«Ritengo per questo motivo», ha proseguito, «che la suddetta società debba comunicare meglio, sia ai cittadini che alle imprese operanti sul territorio Comunale, tutte quelle notizie utili ed indispensabili circa i servizi resi e le modalità di fruizione degli stessi».
Tanto per fare un esempio non tutti sanno che da molto tempo è attivo un servizio gratuito a chiamata, erogato dalla società Tema, rivolto alle attività commerciali per la raccolta differenziata di carta, vetro ed alluminio.
Anche per quanto riguarda gli "ingobranti", ovvero elettrodomestici ed altro materiale di grosso volume, esiste attivo da tempo un servizio gratuito a chiamata, erogato sempre dalla Tema, per cui sia nella parte alta ( lunedì, mercoledì e venerdì ) che allo scalo (martedì, giovedì e sabato ) dalle ore 06.00 alle ore 12.00 , è possibile far ritirare i rifiuti.

«Esiste persino un numero verde 800423771, quindi gratuito», continua l'assessore, «attivato dalla Tema per segnalare disservizi e reclami oltre che per prenotare i ritiri di cui innanzi. Chiedo inoltre», chiude, «a tutti i cittadini di rispettare poche ma fondamentali regole, come ad esempio la raccolta differenziata o l'uso dei cestini che si trovano lungo le strade, perché solo con l'aiuto di tutti è possibile produrre meno rifiuti , riciclarne una grande parte evitandone l'invio in discarica , e rendere la nostra città più pulita e vivibile».

24/10/2007 10.02