Arrestato il truffatore dello specchietto retrovisore

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1357


PESCARA. Metteva in atto la celebre truffa dello specchietto. Evidentemente sempre valida a truffare ignari ed onesti malcapitati.
Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Pianella, con l'ausilio di un equipaggio del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pescara, ha tratto in arresto Fiaschè Antonino, 27enne, nativo di Torino, ma residente a Noto (SR), per truffa e fraudolento danneggiamento dei beni assicurati.
Il giovane metteva in pratica il sistema per guadagnare denaro che consisteva nel bloccare un ignaro automobilista incrociato con la propria autovettura, facendogli credere di aver subito il danneggiamento del proprio specchietto retrovisore.
E' proprio ciò che è accaduto in Contrada Nardangelo, ove un uomo residente a Pianella si è visto costretto a consegnare al ragazzo la somma in contanti di 100 euro al fine di comporre bonariamente la questione per evitare denunce all'assicurazione.
L'uomo però, si è accorto subito di essere stato vittima di una truffa denunciando immediatamente l'episodio ai Carabinieri.
Le immediate ricerche hanno consentito di rintracciare e bloccare il truffatore a Pescara a bordo della propria autovettura che presentava lo specchietto retrovisore rotto, pronto per simulare un'altra truffa.
Il giovane, tratto in arresto con l'accusa di truffa e fraudolento danneggiamento di beni assicurati, è stato trattenuto nella camera di sicurezza del comando di Pescara in attesa del processo per rito direttissimo dinanzi al Tribunale di Pescara, fissato per la mattinata odierna.
Sono molte le voci e le segnalazioni della truffa anche in Abruzzo.
08/10/2007 14.19