Polemica sui messi notificatori: «Il consiglio salta ma noi non c'entriamo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

830

VASTO. Le notifiche non sono arrivate e il consiglio comunale del 26 settembre è saltato. La colpa, secondo il sindaco di Vasto Luciano La Penna, sarebbe stata dei messi notificatori Angelo Frasca e Angelo Maria Cunicella.
I due hanno scoperto le loro responsabilità solo grazie ad alcuni articoli di giornale e hanno declinato ogni accusa di mancata e ritardata notifica della convocazione.
«Non siamo noi», hanno spiegato, «ad essere stati incaricati alla notifica, ai Consiglieri Comunali, della convocazione».
Nonostante la replica dei due interessati il sindaco, però, non ha mai smentito che l'incidente di percorso sia stato causato dall'assenteismo del personale.
«Abbiamo sempre svolto il nostro lavoro con serietà, professionalità e capacità», hanno spiegato Frasca e Cunicella, «e ci sentiamo offesi e lesi nella loro dignità da queste notizie riportate dagli organi di stampa».
Oggi i rappresentanti sindacali, dopo la riunione del 2 ottobre, hanno inviato una lettera al primo cittadino.
«Al momento non risulta alcuna smentita sul caso "assenteismo"», scrivono, e se questa non dovesse arrivare «terremo un'assemblea del personale il prossimo 8 ottobre dalle ore 10 alle ore 12 con successiva conferenza stampa». Il sindacato chiede inoltre la copia della documentazione attestante il presunto assenteismo dichiarato e la copia della pianta organica.

05/10/2007 13.29