Università, sportello ascolto e consulenza per diversamente abili

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

675

L’AQUILA. Il giorno 4 ottobre 2007, presso Palazzo Selli, sito in via Paganica 21 L’Aquila, alle ore 11.00, si terrà l’inaugurazione dello “Sportello Ascolto e Consulenza per Studenti Diversamente Abili” alla presenza del Magnifico Rettore Prof. Ferdinando di Orio e del Prof. Massimo Casacchia delegato del Rettore alla Condizione studentesca, diritto allo studio, tutorato, disabilità ed handicap.
Lo sportello, nato da una proposta della Commissione di Ateneo per la Disabilità presieduta dal Prof. Massimo Casacchia, ha ottenuto l'approvazione e i finanziamenti necessari alla sua realizzazione da parte dell'Ateneo aquilano e del Ministero della Università e della Ricerca Scientifica.
Il servizio offre l'opportunità a tutti gli studenti diversamente abili (disabilità motorie, disabilità sensoriali visive, disabilità sensoriali uditive, disabilità del linguaggio, disabilità “nascoste”) iscritti presso le Facoltà dell'Università di L'Aquila, di avvalersi di consulenza e assistenza grazie alla presenza di personale qualificato e di usufruire degli specifici ausili tecnologici a disposizione.
Lo sportello ascolto e consulenza prevede il seguente orario d'apertura: martedì dalle ore 15:30 alle ore 17:30, giovedì dalle ore 10:30 alle ore 12:30.
Gli studenti sono affiancati, su esplicita richiesta, da un tutor, che ha il compito di sostenerli sia dal punto di vista didattico, che logistico in base alle loro esigenze.
Attualmente gli iscritti diversamente abili sono 16 e presentano varie tipologie di disabilità quali: sordità, cecità, disturbi del linguaggio, paraplegie, diplegie e tetraplegie.
Molto più ampio invece è il numero degli studenti con disabilità inferiore al 66%, per i quali, d'intesa con l'Azienda Regionale del Diritto allo Studio, sono allo studio soluzioni di intervento.
«L'Ateneo aquilano – afferma il Rettore Prof. Ferdinando di Orio – contribuisce con questa nuova struttura a migliorare le condizioni di studio delle persone diversamente abili. Lo Sportello Ascolto e Consulenza vuole essere – continua il Rettore – un segno concreto dell'impegno che l'Ateneo esprime a favore di una reale integrazione degli studenti diversamente abili nella vita universitaria, anche nel rispetto del principio di uguaglianza sancito dalla Costituzione Repubblicana».
02/10/2007 15.17