Rapina e violenta una prostituta poi si fabbrica un alibi ma viene scoperto

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1123


MONTESILVANO. Per i carabinieri avrebbe rapinato e violentato una prostituta rumena e per scagionarsi dalle accuse avrebbe goffamente creato prove false, un alibi che un amico non gli ha retto.
E' stato risolto in poche ore il caso della prostituta ventenne violentata la scorsa notte a marina di Città Sant'Angelo.
I carabinieri di Montesilvano hanno arrestato L.D. 32enne di Cepegatti che durante la notte precedente si è reso responsabile del reato di rapina e violenza sessuale.
Dalla ricostruzione dei fatti gli inquirenti hanno potuto appurare che il giovane, intorno alla mezzanotte, aveva accostato la sua auto al marciapiede dove lavorava una sua vecchia conoscenza, la prostituta rumena di 20 anni con la quale aveva avuto una breve relazione sentimentale.
Forse alla base vi era rimasto qualche rancore o alcuni argomenti di conflitto, fatto sta che dopo aver concordato con lei la prestazione si è appartato con la donna.
Quando si sono trovati al buio ed in zona ben isolata l'uomo ha picchiato la ragazza, provocandogli lesioni successivamente giudicate guaribili in 5 giorni, l'ha rapinata dei soldi contenuti nel portafogli, circa 500 euro, e l'ha costretta a un rapporto sessuale.
Al termine in un attimo di distrazione la donna è riuscita ad aprire la portiera e a fuggire a piedi.
Ha chiesto aiuto ai carabinieri che si sono messi subito al lavoro.
L.D. una volta scoperto e messo alle strette dai militari ha cercato di costruirsi un alibi.
Si è recato così dapprima presso i Carabinieri di Silvi e successivamente presso quelli di Pescara, segnalando di aver subito delle minacce da parte di alcuni rumeni.
Aveva poi avuto molta cura nel ribadire che aveva passato la serata in compagnia di un amico. Dagli accertamenti effettuati però l'amico ha negato completamente la versione fornita dall'uomo.
Così è stato tratto in arresto per il reato di rapina e violenza sessuale.
Ora è in carcere a Pescara dove sarà interrogato dal gip.
01/10/2007 18.15