La Walter Tosto in Egitto per un appalto da 11 milioni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1075

CHIETI. Walter Tosto SpA continua a strappare importanti commesse in giro per il mondo. Questa volta i serbatoi giganteschi della ditta teatina arriveranno in Egitto.
L'azienda abruzzese, leader nell'ambito dei grandi impianti di caldareria (valore della produzione 2006: circa 60 milioni) ha vinto la gara indetta dalla Cairo Electricity aggiudicandosi una commessa pari a 11 milioni di euro per la fornitura di due treni di pre-riscaldatori d'acqua di alimento da installarsi presso la centrale elettrica di El Tebbin che, con i suoi 700 MW totali, sarà la più grande dell'area.
«Questi esclusivi pre-riscaldatori acqua-alimento costituiscono il risultato della ricerca e dell'innovazione in cui l'azienda ha sempre massicciamente investito», spiega il titolare Luca Tosto, «il 7% del fatturato annuo, pari a 5 milioni di Euro solo nell'ultimo triennio. L'assegnazione dell'incarico è inoltre di notevole importanza istituzionale: alla firma del contratto hanno presenziato il Ministro Egiziano dell'Energia Hassan Younis, il Direttore Generale della CEPC Ahmed Emam e, in rappresentanza del Governo Italiano, il consigliere dell'ambasciata italiana in Egitto Giovanni Maria De Vita».
«Siamo estremamente soddisfatti», ha aggiunto Tosto,«poiché a questa gara partecipavano tutti i colossi mondiali del settore Power. Le nostre armi vincenti? Sicuramente la capacità di proporre un progetto pienamente rispondente alle richieste del cliente da un punto di vista meccanico e termico; ma anche l'aver saputo attuare una mirata politica commerciale».
In seguito alle numerose commesse mondiali ultimamente acquisite, tra cui quelle arrivate da Marathon, BP, Lukoil, ERG, l'azienda italiana sarà impegnata nella realizzazione di prestigiosi progetti fino a metà 2009.
E nuovi incarichi sono in arrivo: il 20 ottobre Walter Tosto SpA conoscerà l'esito del secondo tender per un altro impianto egiziano da 750 MW.
Quello delle forniture di grandi manufatti per l'industria petrolchimica è il principale settore di riferimento della Walter Tosto.
In quest'ambito l'azienda prevede una costante e forte crescita almeno per i prossimi 8 anni, specie negli USA, per un fatturato che potrebbe risultare superiore ai 100 milioni di euro. Ma altrettanto positive sono le prospettive nel campo Energy: le previsioni parlano di 300 realizzazioni in tutto il mondo, di cui almeno 30 riguardano centrali nuove che, secondo il management, porteranno nelle casse aziendali un fatturato ulteriore di oltre 20 milioni d'Euro. È nel quadro di questa audace politica internazionale che la Walter Tosto ha concorso per l'appalto egiziano, vincendo la scommessa.
«Nel 2006», ha spiegato ancora l'amministratore delegato, «si è chiuso con un giro di affari a quota 60 milioni: un risultato superiore all'obiettivo dichiarato, e ancora più eclatante se raffrontato con i 36 milioni di fatturato 2005. Il Mol 2006 è di 4,5 milioni di Euro, destinato a crescere del 25% nel 2007. I dipendenti sono passati dai 281 del 2005 ai 302 del primo semestre 2007. La produzione 2006 è di 14.000 tonnellate, che saliranno a 16.000 entro la fine dell'anno. Secondo le previsioni il 2007 si chiuderà con un fatturato di 75 milioni, a fronte di una crescita complessiva del giro d'affari pari al 40% e di un impiego di 350 addetti».
01/10/2007 12.32