Giulianova: rapinatore tradito dalla sua fede per la Madonna

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

766

GIULIANOVA. Già nell'aprile del 2003 venne arrestato dai Carabinieri Comandati dal Luogotenente Antonio Longo, per rapina aggravata in danno della TERCAS di Cologna Spiaggia. In quella circostanza, la sua fede "romanista" lo tradì perché durante la rapina indossava una sciarpa giallorosa della Roma e questo dettaglio consentì agli investigatori di risalire a lui dopo aver acquisito, tra le altre cose, utili elementi investigativi sul suo conto.
Il rapinatore solitario anche questa volta è stato tradito dalla sua fede non sportiva ma religiosa.
I fatti risalgono al 14 settembre scorso quando Fabrizio Rosignolo, 43enne di Pineto, già noto alle Forze dell'Ordine per reati vari (uscito dal carcere di Benevento alla fine dello scorso mese di agosto beneficiando dell'indulto), armato di taglierino e a volto scoperto si è fatto consegnare 8.000 Euro in contanti fuggendo a bordo di una Mountain Bike.
Il particolare che ha colpito gli investigatori è stato il fatto che il malvivente indossasse una maglietta con l'effige di una Madonna Messicana.
Le immediate indagini dei Carabinieri dipendente NORM, grazie anche alla fitta rete informativa su cui possono contare, hanno ritrovato in Via Thaon De Revel la bicicletta utilizzata dall'uomo per scappare ed anche il taglierino. Al porto di Giulianova, invece, è stata ritrovata una busta contenente una tutta della Roma Calcio e la famosa maglietta con l'immagine della Madonna. A questo punto, la memoria investigativa ha fatto la sua parte. Infatti, ricollegando il modus operandi alla rapina alla Tercas, le indagini si sono indirizzate subito -e con esito positivo- sul conto di Rosignolo.
La notifica del provvedimento è stata tutt'altro che semplice anche perché dopo le "dimissioni" dal carcere di Benevento l'uomo non aveva più una fissa dimora e si era reso irreperibile.
Il malvivente però è stato fermato ieri nei pressi della Stazione Ferroviaria di Giulianova. Nel corso dell'ispezione personale è stato trovato in possesso di un biglietto da visita di un albergo della zona dove alloggiava e la perquisizione effettuata nella camera da lui occupata ha consentito di ritrovare 3.700 euro in contanti, provento della sua ultima rapina.
L'uomo è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Teramo.

28/09/2007 14.41