Pescara 2009, Addadì controlla i ritardi dei cantieri delle strutture sportive

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1318

Pescara 2009, Addadì controlla i ritardi dei cantieri delle strutture sportive
PESCARA. Ieri il sindaco di Pescara, Luciano D’Alfonso, ha incontrato il Presidente del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo Amar Addadi, in visita in città per verificare lo stato dell’organizzazione dell’assemblea generale del COJMP che si terrà a Silvi Marina il prossimo 27 ottobre. ADDADI, PESCARA? TROPPI PROBLEMI POLITICI
Una occasione per illustrare lo stato dell'arte e le difficoltà da superare. Intanto negli uffici si lavora a ritmo frenetico con priorità assoluta alle opere che toccheranno proprio i Giochi del Mediterraneo.
Si lavora a ritmo serrato anche a Chieti dove sorgerà il quartier generale degli atleti: le ruspe ed i camion lavorano a tappe forzate, sono quasi già ultimati tutti gli sbancamenti della vasta area un tempo verde e coltivata, oggi già pronta a ricevere l'ingente colata di cemento per la costruzione del Villaggio.
Risolti dunque i problemi burocratici e gli imprevisti, la ditta che esegue i lavori cerca di recuperare un ritardo che ormai si avvicina ai sei mesi.
L'incontro con il Comitato organizzatore si è tenuto nella tarda mattinata di oggi presso la sede pescarese di via Botticelli.
Il sindaco D'Alfonso ha aggiornato il Presidente Addadì sulla tempistica e le procedure dei progetti in corso d'opera sulle strutture cittadine che ospiteranno le competizioni.
D'Alfonso si è soffermato sulla prossima aggiudicazione del bando per i lavori di riqualificazione dello Stadio Adriatico dell'importo di 10 milioni di euro, ormai in dirittura d'arrivo (la scadenza prevista è per metà ottobre) e si è impegnato a dare un'ulteriore spinta in termini di tempo ai lavori che interessano la riqualificazione delle piscine le Naiadi e le altre sedi cittadine delle gare.
«Tempi rapidi e procedure snelle», ha assicurato il Sindaco D'Alfonso al Presidente Addadi, «per arrivare al traguardo dei Giochi nel pieno rispetto degli impegni assunti».
Il Presidente Addadi sarà oggi a Roma dove incontrerà anche il sottosegretario Giovanni Lolli e l'onorevole Sabatino Aracu, in vista dei lavori dell'assemblea generale di ottobre che lo vedrà di nuovo in Abruzzo in veste ufficiale.

21/09/2007 8.59

ADDADI, PESCARA? TROPPI PROBLEMI POLITICI

«Devo ammettere sinceramente che i ritardi e i problemi dell'organizzazione dei Giochi del
Mediterraneo di Pescara 2009 sono dovuti essenzialmente a turbolenze politiche, e questo è inaccettabile. Opposizione e maggioranza devono remare dalla stessa parte, perché il progetto non è di destra, né di sinistra, ma riguarda l'immagine di tutta l'Italia».
Così Amar Addadi, presidente algerino del comitato internazionale dei Giochi del Mediterraneo, ha espresso, al termine dell'incontro di questa mattina con il sottosegretario allo sport, Giovanni Lolli, il presidente del comitato organizzativo Pescara 2009, e il segretario generale del Coni,
Raffaele Pagnozzi, tutto il suo disappunto per i ritardi enormi accumulati dall'organizzazione per la 16/a edizione dei Giochi, che dovrebbero svolgersi nella regione abruzzese.
«Il tempo corre in fretta - ha aggiunto Adddadi -. Mancano meno di due anni, bisogna mettere in moto al più presto la struttura operativa. Ho piena fiducia nella capacità dell'Italia nell'organizzazione di grandi eventi, ma bisogna darsi una mossa».
Un'ulteriore punto sulla situazione verrà fatto tra un mese, il 27 ottobre, quando si svolgerà l'Assemblea generale, che oltre ad eleggere la città destinata ad ospitare l'edizione del 2013, servirà al comitato organizzativo di Pescara per mostrare dal vivo ai vari comitati olimpici l'andamento dei lavori.

21/09/2007 14.26