Vertenza Lastra, ultimatum di regione e Governo ma l’azienda latita

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

685

ROMA. Si è tenuto stamani a Roma l’incontro sulla Agfa Graphic Service (la multinazionale che detiene il controllo della Lastra di Sulmona) presso il Ministero per le Attività Produttive.
La Provincia, con l'appoggio di Regione e Governo ha riproposto l'acquisizione del sito di Sulmona da parte delle istituzioni, che secondo l'accordo firmato nel 2006, possono usufruire di un abbattimento del costo, sul valore reale, del 30%; per rivendere successivamente ad un operatore industriale idoneo, ad un prezzo certamente più appetibile.
Il verbale dell'incontro di oggi sarà inviato alla sede belga della Agfa; nel frattempo Governo, istituzioni locali e sindacati, con un ultimatum all'azienda, chiederanno un incontro per fine settembre, mentre non si fermano i contatti e la ricerca di possibili imprenditori interessati a rilevare lo stabilimento.
Della delegazione, che ha incontrato il Sottosegretario Alfonso Gianni, facevano parte insieme alla Provincia dell'Aquila, rappresentata dall'Assessore al Lavoro Ermanno Giorgi, l'omologo Assessore regionale Ferdinando Fabbiani, i sindacati e, per il Comune di Sulmona, il Commissario Luciana Crisi. Assente, per cosiddetti impegni organizzativi, l'azienda.
«Il comportamento della Lastra penalizza il territorio e le attese dei lavoratori - ha commentato l'assessore regionale Fernando Fabbiani - d'altronde anche in Abruzzo esistono manifestazioni d'interesse per il sito produttivo peligno ed è bene aprire un confronto, altrimenti il sito va in deperimento e tra le maestranze si alimenta un senso di scoramento per le difficoltà di questa vertenza».
Lo stesso assessore ha annunciato che «il tavolo tecnico al Ministero dello Sviluppo economico sarà riconvocato per fine mese o al massimo per i primi di ottobre».
L'assessore Fabbiani ha concluso che «resta di importanza essenziale la disponibilità del sito produttivo peligno anche in vista della conclusione del protocollo d'intesa su Valle Peligna e Alto Sangro che sarà sottoscritto entro ottobre presso lo stesso Ministero dello Sviluppo economico».

Sulla Oliit di Avezzano intanto, la Presidente Stefania Pezzopane, insieme all'Assessore Giorgi ha inviato una richiesta di incontro urgente con gli assessori regionali Valentina Bianchi e Fabbiani e con le segreterie provinciali, confederali e di categoria di CGIL, CISL, UIL e UGL per fare il punto della situazione, considerando che il curatore fallimentare ha avviato le procedure di mobilità senza l'accordo dei sindacati.
Se entro l'anno non si concretizza il nuovo intervento imprenditoriale, la mobilità dei lavoratori diventerà effettiva.
All'incontro di verifica è richiesta l'improrogabile partecipazione dell'impresa che a marzo ha sottoscritto il contratto di programma.

19/09/2007 14.53