Commercio:«Il rilancio è a portata di mano se c’è il Comune»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

708

CHIETI. Rilanciare il commercio teatino, infittire i legami di collaborazione tra Comune e Confcommercio e illustrare le ultime iniziative dell’associazione di categoria sia per il settore commerciale che per quello sociale: sono stati questi i principali temi trattati nel primo incontro ufficiale tra il sindaco di Chieti Francesco Ricci, e il neopresidente della Confcommercio provinciale Angelo Allegrino.
Erano presenti anche il direttore Vincenzo D'Alessandro, il vicepresidente Giovanni Mariani e il delegato per lo Scalo, Roberto Di Cicco.
La piccola delegazione Confcommercio ha testimoniato al sindaco Ricci la volontà di dare nuovo impulso al lavoro a favore della categoria, senza dimenticare il rapporto con le istituzioni da improntare alla massima collaborazione.
«Crediamo nella concertazione – ha detto Allegrino a Ricci – e pensiamo che noi commercianti possiamo essere molto utili a chi amministra, anche come stimolo per migliorare e innovare le politiche di settore».
«Voi commercianti avete un ruolo fondamentale – ha detto il sindaco Ricci – perché siete al tempo stesso sia operatori che verificatori di quanto si fa: se le cose vanno bene per voi, vanno bene anche per la città».
Il sindaco ha anche presentato il nuovo assessore al Commercio Cristiano D'Intino, che dopo gli sviluppi del recente rimpasto in Giunta va a sostituire Paolo Tamburro. Con D'Intino il presidente Allegrino ha già fissato un appuntamento per un incontro, mentre riguardo a Tamburro, Allegrino ha tenuto a sottolineare al primo cittadino l'ottimo rapporto di collaborazione instaurato, grazie alla disponibilità mostrata dall'assessore.
Ne sono testimonianza le iniziative organizzate di concerto sia in relazione agli Eurobasket, sia alla Notte del saldi, che alla Notte bianca che si terrà sabato 15 nell'ambito della manifestazione “Settembre scalino”.
Ultimo tema affrontato è stato quello del sociale e del sostegno alle classi più deboli che il presidente Allegrino vuole assicurare con una serie di iniziative.
«Per tutti i centri della provincia teatina che ospitano mense per i poveri – ha spiegato – per il 25 dicembre organizzeremo un pranzo di Natale. E per noi sarà una scusa per poter inviare derrate alimentari a volontà. Abbiamo intenzione inoltre – ha concluso il presidente – di aprire una casa-albergo per i commercianti in stato di bisogno».

13/09/2007 14.44