Affitti universitari, il contratto fa risparmiare

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3346

Affitti universitari, il contratto fa risparmiare
ABRUZZO. Cambiano le regole per gli affitti studenteschi e da adesso regolarizzare conviene. La maggior parte dei contratti che si stipulano ogni anno con giovani che vanno a studiare fuori sede avviene in nero, ovviamente perché il proprietario di casa non ci pagherà le tasse.
Ogni anno migliaia di giovani lasciano la propria residenza per andare a studiare fuori città.
Una spesa non indifferente per le famiglie con una media, a Pescara di 250 euro per una singola. Piccole oscillazioni invece per le altre città capoluogo abruzzesi.
Poco male visti anche i confronti con altre città universitarie.
Nella Capitale una stanza singola costa da 368 a 588 euro mensili, mentre un posto letto può arrivare anche a 405 euro.
A Milano la situazione non si discosta. Meglio al Sud dove per una camera da soli si riesce a spuntarla per 200 euro.
Spesso i contratti stipulatai sono in nero ma con l'introduzione del nuovo "incentivo" aumentano i vantaggi per chi affitta la propria abitazione e per i nuovi inquilini che decidono di farlo alla luce del sole (e pagando regolarmente le tasse).
Gli studenti potranno infatti detrarre sulla denuncia dei redditi fino a 500,27 euro, (ovvero il 19%, calcolato su un importo massimo di
2.633 euro) mentre i proprietari possono avere uno sconto del 30% sul canone da dichiarare in sede Irpef.
Diversi comuni, poi, prevedono l'applicazione di un'aliquota Ici più bassa nel caso in cui si dia in affitto l'appartamento agli studenti.
La detrazione riguarda solo gli immobili ad uso abitativo: non rientrano nel nuovo regolamento, quindi, le rette pagate per strutture tipo la casa dello studente, collegi o convitti.
E' indifferente, invece, il tipo di corso universitario che si intende seguire: pubblica o privata, basta che l'università si trovi in una città distante almeno 100 chilometri dal comune di residenza e comunque in una provincia diversa.
Il contratto deve essere intestato a chi avrà diritto alla detrazione, per cui anche nel caso dell'affitto di una stanza si deve avere un contratto personalizzato e si deve conservare una copia del testo.


04/09/2007 15.55