Spendiamo 3,5 miliardi per innamorarci

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

895

LA RICERCA. Lo 0,25% del PIL, oltre 3,5 miliardi di euro, viene speso dagli italiani per innamorarsi:la media è di 688,88 euro investiti da ogni single all'anno in cene, aperitivi, vestiti, spostamenti, cure di bellezza, parrucchiere, per conquistare il partner.



LA RICERCA.
Lo 0,25% del PIL, oltre 3,5 miliardi di euro, viene speso dagli italiani per innamorarsi:la media è di 688,88 euro investiti da ogni single all'anno in cene, aperitivi, vestiti, spostamenti, cure di bellezza, parrucchiere, per conquistare il partner.

E in questo quadro aumenta la percentuale di chi sceglie il web per trovare l'anima gemella. Parship.it, il primo servizio europeo dedicato a chi cerca un partner per una relazione duratura e basato sull'affinità psicologica di coppia, ha chiesto a un campione di italiani di fare i conti, definendo come e quanto si spende in vista del primo incontro, quanto si è disposti a 'investire' nella preparazione di un evento che potrebbe cambiare la propria vita.
Un argomento risultato di particolare rilievo economico dal momento che il valore complessivo di tutte queste operazioni, nel 2006 in Italia ha superato i 3,5 miliardi di euro, pari a circa il 0,25% del valore del Pil.
In linea con la Germania dove si spendono circa 4 miliardi e con la Francia (4,4 miliardi), ma decisamente modesto rispetto alle attenzioni degli inglesi capaci di investire ben 17 miliardi.
Gli acquisti si riferiscono essenzialmente alle cene e agli aperitivi, ai vestiti, agli spostamenti, alle cure di bellezza. L'importo medio di spesa per single all'anno e' pari a 688,89 euro.
La spesa globale per servizi on line e' calcolabile in 260 milioni di euro (dating on line, viaggi, acquisti).
Il sondaggio sui costi dell'amore è stato effettuato su un campione rappresentativo per la popolazione italiana di 766 persone, tra i 18 e i 60 anni, rappresentato per il 72,5 per cento da single e per la restante percentuale da separati, divorziati e vedovi.
Sempre secondo Parship la scelta ideale per il primo incontro cade sul «ristorante, perché mangiare insieme aiuta a conoscersi meglio»: lo pensa il 30% degli uomini e il 20% delle donne, Banditi i luoghi troppo affollati. Il 6% sceglie l'approccio culturale: una conferenza, un concerto, una mostra. Il 5% degli uomini contro lo scarsissimo 1% delle donne opta per il primo incontro a casa di uno dei due, con luci soffuse e il divano libero.


17/07/2007 15.33