E spunta ancora un no alla filovia

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

996

MONTESILVANO. «Il tempo scorre e l'unica cosa che ci è rimasta da fare è opporci anche fisicamente all'inutile realizzazione dell'opera» Sulla questione filovia c'è ancora chi, come Sfl Innovazione per Montesilvano, non si da per vinto ed è convinto che il progetto possa ancora fermarsi. L'orientamento del sindaco Cordoma è chiaro, la strada parco è destinata a soccombere al filobus e non c'è ancora spazio per le discussioni.
Ma Sfl non molla: «ritengo ottima l'idea di utilizzare i cosiddetti "pollicino" (autobus a pile elettriche di piccolo ingombro) al posto del filobus ma non sulla strada Parco che è, e deve restare così com'è», sostiene il portavoce del movimento Lorenzo Valloreja.
«Se permettiamo il transito di un qualsiasi mezzo (escluse le bici, i pattini e tutto ciò che va a propulsione umana) nulla sarà più come prima. La strada Parco così non potrà essere, nella maniera più assoluta, fruibile da bambini e anziani. E' impensabile di permettere il transito di un fanciullo affianco ad un qualsiasi mezzo meccanico».
I "pollicino", nell'idea di Sfl, potrebbe percorrere via della Riviera e viale Bovio «all'interno di appositi spazi stradali cordolati. Noi già l'avevamo previsto nel nostro piano traffico depositato presso il Comune di Pescara in data 11 marzo 2006. La conclusione del cantiere della strada statale 16bis, unitamente all'apertura dello svincolo, sarà la vera soluzione ai problemi del traffico in queste due città»

12/07/2007 18.41