A volte ritornano. Il Trasponde anno secondo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1245

A volte ritornano. Il Trasponde anno secondo
PESCARA. Sabato 14 luglio, rientrerà in funzione il “Trasponde” il piccolo traghetto ecologico della Provincia. In poco più di un minuto, trasporterà, come già sperimentato l'estate scorsa, i frequentatori del centro storico da una sponda all'altra del fiume evitando loro estenuanti code per parcheggiare nei pressi di piazza Unione e corso Manthoné, abituali ritrovi della vita notturna pescarese. Anche quest'anno il servizio sarà gratuito e al timone dell'imbarcazione ci sarà sempre Claudio Lattanzio. L'imbarco, ben segnalato dall'illuminazione, è dalla piazzola costruita sul molo nord del porto canale, a ridosso del circolo canottieri “La Pescara”, sul lungofiume Paolucci.
Le corse inizieranno alle 21 e termineranno all'una di notte, dal giovedì alla domenica, fino al 31 agosto. L'anno scorso furono 18.198 le persone traghettate dall'8 settembre, data del varo, fino al 26 novembre, cioè in meno di tre mesi, accogliendo a bordo passeggeri dai 2 mesi ai 92 anni d'età.
Il mezzo, che tecnicamente rientra nella categoria “catamarano”, fu voluto dall'amministrazione presieduta da Giuseppe De Dominicis per decongestionare la città dal traffico puntando su innovazione e rispetto dell'ambiente. Di forma quadrata, è collaudato per portare 20 persone. Lo spostamento avviene tramite una catena agganciata alle due banchine opposte e posata sul fondo, trainata da un motore elettrico alimentato da batterie ricaricabili e quindi eco compatibili. Struttura e funzionamento furono sviluppate sulla base del progetto del gruppo di architetti guidati da Rosario Pavia, docente di urbanistica della locale università “Gabriele D'Annunzio”.

LE POLEMICHE LEGATE ALL'OPERA
 
12/07/2007