Nonno dei record scala il Gran Sasso

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

858

ABRUZZO. Piero Paci, 90enne di Urbania, provincia di Pesaro ha scalato ieri mattina il Gran Sasso. Con la scalata il nonno dei record si è meritato la menzione nel guinnes dei primati. E' la prima volta, infatti, che un 90enne scala una montagna superando i 3 mila metri di altitudine.
Paci ha raggiunto la vetta verso le 13, impiegando circa 3 ore e una manciata di minuti. Al suo fianco la figlia e un gruppo di amici, molti dei quali esperti escursionisti, tutti componenti dell'associazione 'Il Ghiro' di Urbania, impegnata da anni nel promuovere l'educazione ambientale e sensibilizzare i giovani al rispetto della natura.
«Sono soddisfatto», ha commentato lo scalatore con un accenno di fiatone, «non pensavo onestamente di riuscire nell'impresa, ho festeggiato al meglio il mio compleanno».
La novantesima candelina, in realtà, la spegnerà il prossimo 6 ottobre ma una scalata in autunno sarebbe stata certamente più difficoltosa.
E adesso ci sarà anche una nuova impresa: «ho intenzione di scalare il monte Vettore», ha confessato per niente stanco, «e spero che le mie gesta siano uno stimolo per i giovani perche' rispettino di più l'ambiente e lo salvaguardino, senza dimenticarsi che lo sport è salute e che la tenacia e la costanza portano a tagliere importanti traguardi nella vita» Anche la stampa di tutta Italia si è interessato alla sua scalata e lui si mostra molto sorpreso: «non pensavo certo di diventare famoso compiendo questa impresa. Mi ha fatto comunque piacere diventare celebre per così poco e ricevere attenzioni da tanti, come se fossi una star»

09/07/2007 15.17