Agroalimentare, presto il collegamento con l’asse attrezzato

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1334

PESCARA. Il progetto per la realizzazione della bretella di collegamento tra il Centro agroalimentare di Villanova di Cepagatti e l’asse attrezzato procede spedito. È stato infatti pubblicato il bando di gara che permetterà fra alcuni mesi di avviare i lavori della grande opera pubblica: un intervento molto atteso che consentirà, in un solo colpo, di servire al meglio il grande Centro agroalimentare abruzzese e mettere in sicurezza la popolosa contrada Buccieri, liberando la ex statale 602 dai tantissimi mezzi pesanti che ogni giorno la attraversano per raggiungere la struttura di Cepagatti, creando rischi gravissimi per la sicurezza stradale. Dall’avvio dei lavori, la ditta appaltatrice avrà a disposizione diciotto mesi di tempo per consegnare l’opera.
L'intervento, il cui progetto è stato realizzato dal settore Lavori pubblici della Provincia e per il quale sono stati stanziati 6milioni e 714mila euro, prevede la realizzazione di una bretella a due corsie (di circa 2 chilometri di lunghezza) in grado di collegare la ex 602 col raccordo autostradale Chieti- Pescara, in località Dragonara. I lavori comporteranno la costruzione di un viadotto sul fiume Pescara di circa 60 metri e di due rotatorie alle estremità della bretella: una di innesto sulla ex 602, l'altra di raccordo con lo svincolo dell'asse attrezzato.
«Finalmente - sottolinea il vicepresidente ed assessore provinciale ai Lavori pubblici, Antonello Linari si avvia a conclusione il lungo iter che dal Duemila vede la nostra amministrazione impegnata nella realizzazione di un progetto di importanza strategica per la viabilità del comprensorio. Un intervento che permetterà di servire al meglio il Centro agroalimentare, favorendone lo sviluppo, garantirà la sicurezza dei residenti di contrada Buccieri, ma permetterà anche di raggiungere in pochissimo tempo la Tiburtina».
Il progetto, realizzato grazie a fondi regionali, è stato oggetto di una intensa attività di concertazione con Anas, Provincia di Chieti, Comuni di Cepagatti e San Giovanni Teatino, e si avvale inoltre dei “nulla osta” rilasciati da Regione Abruzzo, Corpo forestale dello Stato, ministero dei Beni e Attività culturali ed altri enti ancora.

02/07/2007