L’Italia aiuterà la Namibia grazie all’Istituto zooprofilattico

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1075

TERAMO. L’Italia e la Namibia hanno raggiunto un intesa tecnica di cooperazione scientifica nel campo della medicina veterinaria nei settori della salute pubblica e della sicurezza alimentare.


L'accordo, siglato dall'ambasciatore d'Italia in Namibia, Arnaldo Abeti in rappresentanza del Ministero della salute italiano e dal Ministro dell'Agricoltura namibiano, Nichey Iyambo, ufficializza a livello dei Governi una serie di rapporti esistenti grazie alla collaborazione ormai decennale tra l'Istituto Zoprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise “G. Caporale” di Teramo e i servizi veterinari della Namibia.

Dal 1997, infatti, l'IZS A&M svolge attività di collaborazione e supporto con il governo della Namibia nel campo della ricerca scientifica sulle malattie degli animali domestici, definite esotiche per il territorio italiano (quali, ad esempio, la Peste equina e la Pleuropolmonite contagiosa bovina).
Tale rapporto di collaborazione è stato ufficializzato con un Memorandum of Understanding, sottoscritto nel 2005, tra i Servizi Veterinari del Ministero dell'Agricoltura della Namibia e l'Istituto stesso.
«L'attività degli esperti IZS A&M in Namibia», spiegano dal laboratorio di Teramo,«si concretizza con la formazione di veterinari della Namibia per la diagnosi delle malattie infettive del bestiame, con attività diagnostiche in laboratorio e di campo, con la gestione dei rapporti con veterinari e allevatori locali, con l'attivazione di un laboratorio di virologia presso il Central Veterinary Laboratory di Windhoek, al fine di condividere competenze diagnostiche e la ricerca scientifica. A dirigere questo Laboratorio per i prossimi due anni sarà un veterinario dell'IZS A&M. Questo accordo internazionale conferma l'alto livello di qualità che caratterizza le attività dei progetti di cooperazione che impegnano l'IZS A&M in circa 60 Paesi del mondo».
La Namibia è un partner commerciale dell'Unione Europea quale esportatore di tagli pregiati di carne bovina e l'intesa firmata con l'Italia contribuirà all'affinamento degli standards produttivi ed al rispetto della normativa comunitaria in materia.

29/06/2007 10.27