L’Aquila. Pubblici esercizi, stabilito calendario aperture obbligatorie

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

950

L’AQUILA. Il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, ha firmato un’ordinanza con la quale viene stabilito che bar, ristoranti, pizzerie e tavole calde dovranno rimanere aperti, per turni, nei periodi compresi tra il primo luglio e il 9 settembre e il 2 dicembre e il 6 gennaio.
All'ordinanza sono allegati i quattro gruppi in cui sono stati suddivisi i pubblici esercizi, e a ciascuno di tali gruppi sono stati assegnati i periodi specifici in cui i relativi titolari dovranno obbligatoriamente lavorare. Saranno comunque possibili aperture facoltative anche al di fuori dei turni assegnati.
«Tale organizzazione, poi concretizzata nell'ordinanza – ha spiegato Cialente – è stata resa possibile in virtù dell'accordo raggiunto con Confcommercio e Confesercenti nel corso di una riunione odierna. Per questo la mia soddisfazione è maggiore».
«Pertanto – ha proseguito il sindaco – nel capoluogo abruzzese i visitatori e i cittadini troveranno un cospicuo numero di bar e ristoranti aperti sia nel periodo estivo che durante le vacanze di Natale. Ciò, con l'obiettivo di rendere L'Aquila accogliente e fruibile per tutti, di offrire un servizio adeguato a una città d'arte e di cultura, con evidenti vantaggi per l'immagine e per l'economia».
Nei prossimi giorni, sul sito internet del Comune (www.comune.laquila.it) sarà pubblicato il calendario esatto delle aperture obbligatorie «che sarà diffuso – ha aggiunto Cialente – anche attraverso gli organi di informazione, i punti di servizio per i turisti, i musei e gli stessi pubblici esercizi».
Tra le altre situazioni emerse nella riunione odierna, la facoltà di aprire anche in periodi diversi da quelli indicati nel calendario.
«Chi volesse aprire al fuori dell'arco di tempo in cui, in base ai turni, ha l'obbligo di lavorare – ha osservato Cialente – avrà la facoltà di farlo. Ne sarà data adeguata pubblicizzazione».

22/06/2007 22.32