Urbanistica, la commissione boccia due accordi di programma

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

5863

PESCARA. Dopo il sequestro di carte e faldoni si tenta di tornare al lavoro ma non mancano colpi di scena e anche la normale routine rischia di intopparsi. Ieri la commissione urbanistica, presieduta da Vincenzo Dogali, è tornata a riunirsi per esaminare due proposte di accordo di programma presentate a Palazzo di città.
Ordinaria amministrazione, potrebbe dirsi, condita questa volta con un po' di cautela in più per via delle indagini della procura in corso, che riguarderebbero anche alcuni rappresentati della commissione stessa.
Nonostante la bufera, però, il lavoro va avanti. Ma le ansie di questi giorni si riflettono indubbiamente sull'operato. Infatti, nel corso della seduta di ieri entrambe le proposte sono state respinte, come ha spiegato lo stesso Dogali.
La prima, era stata presentata dai fratelli Di Properzio, e riguarda la realizzazione di edifici residenziali nell'area, piuttosto vasta, compresa tra via Cristoforo Colombo, via Magellano e via Doria.
La proposta, in base a quanto riferito da Dogali, è stata respinta perché l'area in questione rientra in quella oggetto della Stu, la Società di trasformazione urbana che il Comune intende portare avanti per la riqualificazione della zona Sud di Pescara.
La seconda proposta è quella relativa alla zona dell'ex consorzio agrario, da via del Circuito a via Valle Roveto.
Anche in questo caso l'idea dei privati era quella di realizzare strutture residenziali ma il vantaggio per il pubblico, ha spiegato Dogali, «sarebbe pari al 25 per cento mentre il regolamento approvato in Comune sui programmi complessi fissa una percentuale minima del 45 per cento».
Prima di vagliare un accordo, pare quindi che il Comune faccia bene attenzione a calcolare nel dettaglio il vantaggio del privato rispetto a quello del pubblico. Anche perché adesso si sa che la procura sta indagando ed è meglio non commettere passi falsi.
La commissione dovrà esaminare nei prossimi giorni anche altre proposte. Che opti nuovamente per la cautela? Si preannunciano tempi duri per gli imprenditori della città...

22/06/2007 10.00