Oggi stop ai treni fino alle 21

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

920

ABRUZZO. Treni fermi da ieri, giovedì 21 giugno, alle 21 di stasera, venerdì 22 per uno sciopero indetto da Filt/Cgil,Fit/Cisl, Uiltrasporti, Fast
Ferrovie, Ugl e Orsa Ferrovie. I ferrovieri non addetti alla
circolazione dei treni sciopereranno, invece, per l'intera giornata di
venerdì.
Stamattina si terrà, inoltre, una manifestazione nazionale dei ferrovieri a Roma con concentramento alle 10.00 in Piazza della Croce Rossa che si svolgerà in parte davanti al Ministero dei Trasporti e in parte di fronte al Ministero delle Infrastrutture. La protesta è stata indetta dalle organizzazioni sindacali per evitare lo smantellamento del sistema ferroviario italiano, per chiedere una politica dei trasporti che incentivi il trasporto ferroviario, salvaguardi l'ambiente e prevenga le stragi degli incidenti stradali, esigere regole comuni per governare la liberalizzazione del settore che garantiscano il rispetto di idonei standards di sicurezza.
Inoltre i gli addetti ai lavori chiedono l'applicazione di un unico contratto di lavoro per tutte le aziende del settore che garantisca regole di lavoro comuni ed il rispetto delle necessarie norme di sicurezza a tutela dei viaggiatori e dei lavoratori del settore e chiedono di ottenere il rinnovo del contratto di lavoro scaduto il 31 dicembre 2006 e la salvaguardia del potere d'acquisto degli stipendi e scongiurare il ridimensionamento del Gruppo FS.
La protesta è stata indetta anche contro la liberalizzazione senza regole, l'attacco ai livelli occupazionali e al reddito dei ferrovieri e dei lavoratori dell'indotto. Le ragioni dello sciopero e della manifestazione nazionale «sono ulteriormente rafforzate», fanno sapere le organizzazioni sindacali, «dopo le dichiarazioni del ministro Padoa Schioppa relative, tra l'altro, al taglio di 10.000 posti di lavoro solo nel Gruppo FS e altrettanti nell'indotto (appalti, manutenzione, ecc.)».
Le Segreterie Regionali Abruzzo «ritengono inoltre necessarie nuove
assunzioni per ovviare al continuo ridimensionamento del servizio che
determina la soppressione di treni sia merci sia viaggiatori soprattutto a carattere locale, problema questo che incide negativamente sulla realtà ferroviaria della nostra Regione da troppo tempo interessata da una chiara volontà di abbandono e di ridimensionamento».

TRENITALIA CONSIGLIA

Gli utenti che volessero mettersi in viaggio durante le 24 ore di sciopero possono informarsi sui treni in circolazione chiamando il numero verde 800.892021 (attivo oggi fino alle 22.00, dalle 7.00 alle 22 di giovedì 21 e venerdì 22 giugno). Sul sito delle Ferrovie sul sito www.ferroviedellostato.it sono elencati i treni garantiti ma l'azienda sottolinea che «limitazioni di percorso e cancellazioni di convogli saranno possibili anche prima dell'inizio e dopo il termine dello sciopero».

22/06/2007 9.20