Lanciano. Cinque anni di carcere per lo stupro del tunnel

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1282

Lanciano. Cinque anni di carcere per lo stupro del tunnel
LANCIANO. Cinque anni di reclusione e una multa di 7mila euro ciascuno per aver stuprato una minorenne nel tunnel di una discoteca di Lanciano. La sentenza, emessa dal gip del tribunale di Lanciano Massimo Canosa, è arrivata questa mattina e a dover scontare la pena saranno i due maggiorenni, di 20 e di 21 anni che nel novembre del 2005 stuprarono una ragazzina di 15 anni, fuori al locale in cui si stava svolgendo una festa scolastica.
I 7mila euro di risarcimento, ha spiegato Canosa, è da ritenersi solo una provvisionale, in attesa della quantificazione del risarcimento danni alla vittima di un successivo giudizio civile.
La sentenza è arrivata così ad un anno e mezzo dal fatto, periodo in cui i due giovani sono rimasti in carcere e la giovane vittima ha tentato di ritornare alla vita normale.
La vicenda dello stupro colpì molto tutta la città che qualche settimana prima aveva scoperto di un'altra violenza ai danni di una minorenne, questa volta consumatosi all'ippodromo. A pochi giorni dalla denuncia dell'episodio si scoprì che una amica della vittima aveva raccontato tutto nel proprio blog
Il diario virtuale della ragazzina viene assunto come prova e la blogger cancellerà tutto in breve tempo.

La città si è ribellata, il sindaco Filippo Paolini denunciò un accanimento mediatico contro il piccolo comune e gli esperti parlavano di istituire un centro di consulenza per le famiglie.

ARRESTI E RACCONTI, I DUE MESI CHE SCONVOLSERO
LANCIANO
 


20/06/2007 15.12