Bugnara tra i 150 borghi più belli d'Italia, ma è polemica

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

882

ABRUZZO. Il comitato direttivo del club "I Borghi più belli d'Italia" ha inserito anche il Comune di Bugnara tra i 150 centri selezionati. Il club, nato nel marzo del 2001 su impulso della Consulta del Turismo dell' Associazione dei Comuni Italiani (Anci) ha tra i suoi preferiti un nuovo comune Abruzzese.

ABRUZZO. Il comitato direttivo del club "I Borghi più belli d'Italia"
ha inserito anche il Comune di Bugnara tra i 150 centri selezionati.
Il club, nato nel marzo del 2001 su impulso della Consulta del Turismo dell' Associazione dei Comuni Italiani (Anci) ha tra i suoi preferiti un nuovo comune Abruzzese.

Per essere ammessi occorre corrispondere ad una serie di requisiti di carattere strutturale, come l'armonia architettonica del tessuto urbano e la qualità del patrimonio edilizio pubblico e privato, e di carattere generale che attengono alla vivibilità del borgo in termini di attività e di servizi al cittadino.
Occorre inoltre impegnarsi per migliorare continuamente tali requisiti in quanto l'ingresso nel Club non ne garantisce la permanenza se non viene riscontrata una volontà, attraverso azioni concrete, di accrescerne le qualità.
«L'Italia minore», sostiene l'associazione, «quella a volte più sconosciuta e nascosta, rappresenta al meglio il dipanarsi della storia millenaria che ha lasciato i suoi segni indelebili soprattutto in questi luoghi rimasti emarginati dallo sviluppo e dalla modernità a tutti i costi».

LA MERAVIGLIA DEI DS

E mentre il piccolo comune è in festa qualcuno si domanda con che criteri sia stata adottata questa scelta. I dubbi sono sorti a il consigliere comunale di minoranza Ds Franco Di Ianni e il segretario Ds Mario Servilio: «la nostra soddisfazione si scontra, però, con un velo di incredulità e stupore perché non capiamo cosa possa aver indotto a far maturare questa decisione agli occhi del delegato Anci presente sul nostro territorio».
Secondi i due esponenti «basta confrontare il nostro paese con tutti gli altri piccoli centri dell'Abruzzo già facenti parte del club "I Borghi più belli d'Italia" per capire come questa decisione ci lasci a dir poco perplessi. Se consideriamo, inoltre, che paesi come Villalago non abbiano ancora ottenuto la Vostra certificazione, i nostri dubbi crescono ancor di più».
Così i due hanno mandato una lettera ufficiale al club per conoscere «i criteri e le modalità che hanno indotto la Commissione a prendere questa decisione alla luce di quanto analizzato e della documentazione fornita dalla nostra amministrazione per rendersi conto di persona come, a parte le chiese, realizzate dai nostri avi, non ci sia, nostro malgrado, assolutamente nulla da segnalare se non ruderi, palazzi fatiscenti, degrado e faraonici progetti che nulla hanno a che vedere con quanto da lei evidenziato».
Tra i comuni abruzzesi già presenti nei borghi più belli d'Italia ci sono anche Anversa degli Abruzzi, Castel del Monte, Castelli, Guardiagrele, Introdacqua, Pacentro, Pescocostanzo, Pettorano sul Gizio, Pietracamela, Rocca San Giovanni, Santo Stefano di Sessanio, Scanno e Tagliacozzo.

04/06/2007 12.14