Pescara. 2.700 posti auto gratis diventano a pagamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1630

PESCARA. Non bastano le nuove tariffe che potrebbero entrare in vigore con la Ztl e nell'area di risulta. Il Comune di Pescara ha deciso di far diventare a pagamento 2.700 posti auto che adesso sono gratuiti situati in 23 strade della città. Il costo è stato fissato a 1,20 all'ora ma la tariffa potrebbe essere inferiore perchè verrà indetto un bando di gara per l'assegnazione ad un privato della gestione e l'offerta al ribasso potrebbe essere vincente.
Il Comune non vuole sapere quanto dovrà sborsare il cittadino per 60 minuti di sosta, ma di sicuro affiderà l'appalto per sei anni e in questo lasso di tempo vuole solo assicurarsi almeno 3 milioni di euro (500 mila euro per ogni annualità).
Per i residenti ci sarà un permesso gratuito garantito per una sola auto. Chi non dispone di garage o soluzioni alternative potrà beneficiare di un permesso che al costo complessivo di 15 euro al mese garantirà la sosta senza ulteriori spese. 20 euro, invece, il costo del permesso per i commercianti. Sconti e abbonamenti saranno previsti per tutti i cittadini: il pacchetto settimanale offre sosta di giorno e notte al costo di 30 euro, 68 euro quello mensile, 680 quello annuo per residenti e commercianti e 900 euro per i non residenti.
Ma dove sono collocati questi nuovi parcheggi?
La rivoluzione investe praticamente tutta la città e se a questi nuovi si aggiungono i posti a pagamento già esistenti, trovare un posto gratuito sarà un'impresa ardua. Sarà a pagamento solo la mattina (dalle 8 alle 13) sostare in via Lago di Campotosto, via Passolanciano, mercato ittico, via Valerio, via dei Bastioni, via Orazio. Sosta a pagamento mattina e pomeriggio ( dalle 8 alle 13 e dalle 15 alle 19) in via Bologna, via Acerbo, viale Pindaro, via Paolini, via Fonte Romana, via Monte Faito, via Paolucci, via Conte di Ruvo, via Colonna, via dei Marsi, via dei Sanniti, largo dei Frentani, piazza Alessandrini.
Per i cittadini, soprattutto per gli irriducibili dell'automobile,
non è proprio una buona notizia. «Le zone interessate dal
provvedimento», ha fatto notare il consigliere di Forza Italia Guerino Testa, «vanno dall'Università all'Ospedale, dal Centro Storico al Mercato Ittico creando così grossi problemi proprio alle fasce più
deboli: gli studenti, i malati, i semplici cittadini che fanno la spesa al mercato».
«Non c'è traccia», ha contestato Gemma Andreini, consigliera di circoscrizione 5, «un provvedimento a favore dei commercianti, più volte sollecitato, per i quali non è stato previsto nè un posto auto gratuito per i titolari né si prevedono provvedimenti per facilitare il parcheggio dei possibili clienti che, di conseguenza, sempre di più si indirizzeranno verso i centri commerciali che offrono una sosta gratuita».

28/05/2007 9.15