Tribunale, anche a Vasto arriva l'udienza penale di smistamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

9106

VASTO. Arriva l'uduenza di smistamento nel corso dei procedimenti penali ma anche fasce orarie stabilite che dovrebbero rendere più semplice la vita lavorativa di giudici e avvocati.

VASTO. Arriva l'uduenza di smistamento nel corso dei procedimenti penali ma anche fasce orarie stabilite che dovrebbero rendere più semplice la vita lavorativa di giudici e avvocati.

Un protocollo di intesa per la gestione delle udienze penali, molto simile a quello firmato nei giorni scorsi a Chieti, è stato sottoscritto dal presidente del Tribunale di Vasto Antonio Sabusco, dal procuratore della Repubblica Francesco Prete, dal presidente del Consiglio dell'ordine Nicola Artese e dal presidente della Camera Penale Giovanni Cerella. Il protocollo rappresenta un passo in avanti per una razionale gestione dell'udienza penale. Si è così stabilito che l'inizio delle udienze penali, sia collegiali che monocratiche, inizi alle ore 9.00. Il pubblico dibattimento è di regola preceduto dalla celebrazione di eventuali

procedimenti in camera di consiglio. L’ufficiale giudiziario dovrà trovarsi nell’aula prima che cominci l’udienza e dovrà, all’apertura delle udienza ed all’inizio di ogni fascia oraria, verificare quali avvocati a parti siano presenti e segnalarlo al Giudice al fine di poter organizzare l’udienza.

STABILITE LE FASCE ORARIE

I processi sono fissati in due fasce orarie: ore 9.00 prima fascia, ore 12.00 seconda fascia.

Nella prima fascia oraria verranno trattati prevalentemente i processi per i quali è previsto l’espletamento di attività istruttorie. Nella seconda fascia oraria verranno sempre fissati i processi per i quali debba essere svolta la sola discussione.

Le parti si impegnano a provvedere alla citazione dei testi con indicazione dell’orario fissato dal Tribunale.

All’interno delle fasce orarie il Giudice, anche in deroga all’ordine dei processi fissato nel ruolo, accorderà priorità alle seguenti tipologie di processi: a) con imputati detenuti; b) processi che, per problematiche sopravvenute, non potranno essere trattati (legittimo impedimento dell’imputato o del difensore o per altra causa); c) processi che, per varie evenienze processuali (difetto di condizione di procedibilità, intervenuta remissione di querela, etc.) siano suscettibili di immediata e rapida definizione; d) processi con parti private o testimoni che siano: detenuti, portatori di handicap, in stato di gravidanza o di allattamento, ultrassettantenni (tali situazioni particolari saranno segnalate dagli interessati all’ufficiale giudiziario che le sottoporrà senza ritardo all’attenzione del Giudice).

La discussione verrà celebrata, di regola, immediatamente dopo la chiusura dell’istruttoria, fatta eccezione per quei processi per i quali siano prevedibili tempi di discussione rilevanti – durata superiore, complessivamente, ai venti minuti – per i quali appare opportuno un differimento ad altra data, nella fascia oraria destinata alle discussioni (ore 12.00), al fine di non ritardare l’esame dei testimoni citati nei successivi processi.

In caso di rinvio per la sola discussione il Giudice, se possibile, consentirà al pm che ne faccia richiesta, di concludere.

Il ruolo di udienza, con l’indicazione dei processi fissati nelle singole fasce orarie, viene affisso sulla porta dell’aula di udienza ed in cancelleria entro le ore 12.00 del giorno precedente l’udienza.

I ruoli di udienza, omessi i nominativi degli imputati, saranno altresì pubblicati, a cura della cancelleria, sul sito del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Vasto due giorni prima della data dell’udienza.

UDIENZA DI SMISTAMENTO

Per i processi dinanzi al Tribunale in composizione monocratica vengono fissate udienze periodiche di smistamento (massimo quaranta processi) nelle quali saranno svolti l'accertamento della regolare instaurazione del contraddittorio; la discussione di eventuali questioni preliminari; l' ammissione delle prove; la celebrazione di riti alternativi.

Qualora le liste testi delle parti siano corpose, il Giudice darà indicazioni sul numero delle persone che dovranno essere citate per l’udienza successiva.

Per garantire una maggiore speditezza all’udienza di smistamento, eventuali istanze di patteggiamento verranno prospettate dalla Difesa al Pubblico Ministero almeno quattro giorni prima della data fissata per l’udienza, e quindi concordate prima della celebrazione della stessa.

UDIENZE STRAORDINARIE

Qualora, per la trattazione di processi particolarmente complessi, debbano essere fissate udienze straordinarie (cioè ulteriori rispetto a quelle previste dal calendario ordinario), l’individuazione e la cadenza delle stesse dovrà essere preventivamente concordata con l’ufficio del Pubblico Ministero e con le altre parti.

Le istanze di rinvio per legittimo impedimento del difensore o della parte assistita, corredate dalla necessaria documentazione, sono anticipate a mezzo fax alla cancelleria del Tribunale ed alle altre parti appena concretizzatosi o conosciuto il motivo di impedimento, con riserva di depositare l’originale prima dell’udienza a cura del difensore o di un suo incaricato.

RINVII

Ove il rinvio di un processo sia conosciuto dal Tribunale nei giorni precedenti l’udienza, la cancelleria ne informa appena possibile le parti, anche per via telefonica o telematica. Qualora debba essere rinviata, per impedimento del Giudice o per altre ragioni dipendenti dall’ufficio, l’intera udienza, dovrà esserne dato avviso mediante esposizione in cancelleria di comunicazione scritta con eventuale indicazione della data di rinvio. Le parti si impegnano comunque a partecipare all’udienza al fine di ricevere la notifica della data di rinvio.

SOSTITUZIONE DEL GIUDICE

Nei processi in cui il Tribunale giudica in composizione monocratica, in caso di impedimento del Giudice titolare del ruolo, verrà designato, in sua sostituzione, un Got il quale potrà procedere alla trattazione dei processi per i quali non sia stato aperto il dibattimento con l’eccezione di quei processi per i quali è esclusa la possibilità di celebrazione da parte del Got. Tali processi saranno rinviati alla prima udienza utile del Giudice togato titolare del ruolo.

GRATUITO PATROCINIO

I difensori depositano in cancelleria l’istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato appena possibile ed in sede di conclusioni depositano la richiesta di liquidazione.

I difensori di ufficio depositano, altresì, la predetta richiesta in sede di conclusioni nei giudizi in cui assistano gli imputati dichiarati irreperibili.

Il Giudice provvede alla immediata liquidazione in udienza sulla base delle tariffe concordate. La lettura del decreto di liquidazione in udienza equivale a comunicazione e notifica alle parti presenti.

 11/01/2011 8.49