SERIE B

Zeman è a casa, ma con Epifani è la stessa musica. Pescara umiliato 4-1 in casa dal Parma

Primo tempo incolore, poi addirittura peggio nella ripresa. Ora la zona play-out non è lontana

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

521

Zeman è a casa, ma con Epifani è la stessa musica. Pescara umiliato 4-1 in casa dal Parma

 

 

PESCARA. Un disastro. Non poteva iniziare peggio il nuovo corso di Epifani sulla panchina biancazzurra dopo l’esonero di Zeman. Tutto troppo facile per il Parma, che al di là di qualche errore arbitrale (il 2-0 provvisorio realizzato in netto fuorigioco, ndr), schianta con merito 4-1 il Pescara. Per i biancazzurri (era ben chiaro che il problema dei cattivi risultati non fosse legato alla guida tecnica, ndr) ora bisognerà fare grande attenzione alla zona calda della classifica.

Nella sua prima sulla panchina biancazzurra in Serie B, Epifani vara l’inedito 4-2-3-1. A protezione della porta di Fiorillo agiscono Crescenzi, Coda, Perrotta e Mazzotta; diga di centrocampo formata da Brugman e Valzania, con Yamga, Falco e Mancuso sulla trequarti a supporto dell’unico terminale offensivo Pettinari. Nel Parma mister D’Aversa (ex Virtus Lanciano) opta per il collaudato 4-3-3 con il compito di pungere affidato alla velocità e alla tecnica di Insigne, Calaiò e Baraye. Geometrie nei piedi di Dezi, a lungo inseguito dal Pescara nelle ultime finestre di mercato.  

Partenza subito aggressiva del Parma, ma la prima occasione da gol è per il Delfino con Brugman, che da distanza siderale sfiora l’incrocio dei pali. Al 10’ il Parma passa in vantaggio al primo affondo deciso dalle parti di Fiorillo: Baraye sfonda sulla sinistra, palla perfetta nel mezzo per il guizzo di Calaiò che sotto porta non sbaglia.

Reazione del Pescara inesistente e al 24’ è il Parma a sfiorare nuovamente la marcatura. Su calcio di punizione palla di Dezi nel mezzo per la testa di Lucarelli che complice una deviazione di Fiorillo colpisce in pieno la traversa.

Al 41’ buon anticipo di testa di Scavone ma pallone facile preda di Fiorillo.

Nella ripresa Pescara più compatto ma è sempre il Parma a creare i maggiori presupposti per il gol. Al 16’ Insigne dal limite dopo una bella combinazione con un compagno non inquadra di poco lo specchio della porta.

Al 24’ la più ghiotta opportunità per il pari del Pescara viene frustrata dall’intervento decisivo di Frattali su tentativo in spaccata di Mancuso su grande giocata di Pettinari. Sul capovolgimento di fronte, Ceravolo appena entrato tutto solo davanti da Fiorillo piazza la sfera nel sette: 0-2 in sospetta posizione di fuorigioco. I biancazzurri crollano e al 27’ il Parma cala il tris con Gagliolo che da 2 passi ribadisce in rete una corta respinta del portiere su pallonetto di Ceravolo.

Al 34’ il Delfino accorcia le distanze con Bunino (da poco entrato per un abulico Falco), che nel cuore dell’area di rigore insacca dopo un’azione irresistibile sulla fascia di Mancuso.

Al 38’ il Parma realizza il poker. Con una facilità imbarazzante tocchi di prima di Dezi, Ceravolo e Scavone con quest’ultimo che di testa a porta vuota insacca il 4-1.


 

PESCARA-PARMA 1-4 (primo tempo 0-1)


 

MARCATORI: 10’pt Calaiò (Pa); 25’st Ceravolo (Pa); 27’st Gagliolo (Pa); 34’st Bunino (Pe); 38’st Scavone (Pa).

PESCARA (4-2-3-1): Fiorillo; Crescenzi, Coda, Perrotta, Mazzotta; Brugman, Valzania; Yamga (23’st Capone), Falco (15’st Bunino), Mancuso; Pettinari (43’st Cappelluzzo). A disposizione: Savelloni, Balzano, Fornasier, Cocco, Fiamozzi, Machin, Gravillon, Carraro, Coulibaly. Allenatore: Epifani.

PARMA (4-3-3): Frattali; Gazzola, Iacoponi, Lucarelli (31’st Di Cesare), Gagliolo; Munari, Dezi, Scavone; Insigne (40’st Frediani), Calaiò (23’st Ceravolo), Baraye. A disposizione: Nardi, Dini, Mazzocchi, Ciciretti, Da Cruz, Anastasio, Barillà, Di Gaudio, Sierralta. Allenatore: D’Aversa.

ARBITRO: Lorenzo Illuzzi della sezione di Molfetta (Bellutti-Fiore).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 6mila spettatori con rappresentanza ospite. Ammoniti: Valzania, Gazzola, Baraye, Scavone, Perrotta. Espulsi: nessuno. Recupero: 1’pt; 0’st.

 

Andrea Sacchini