BREVE

UN MURALES A TERAMO TENTA IL GUINNES ITALIANO

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

139

TERAMO. Oltre 50 metri lineari per un laboratorio creativo che mira a entrare tra i primati italiani: si chiama 'Work in progress' ed è l'iniziativa della scuola media statale 'Mario Zippilli' di Teramo che, per prevenire la dispersione scolastica, ha ideato un progetto - su idea del professore Mauro Di Giuseppe - che ha per protagonisti i ragazzi del terzo anno (sebbene si tratti di un progetto aperto a chiunque voglia parteciparvi) che, da un anno, stanno realizzando un murales sulle mura interne della scuola. L'occasione è stata offerta dal sisma del 2016, quando professore e alunni hanno pensato di 'abbellire' i muri oggetto di piccoli interventi di riparazione e da lì il passo verso una vera e propria progettualità è stato breve. Il murales in questione, infatti, copre attualmente oltre 50 metri lineari e, in sintonia con il nome stesso che lo contraddistingue, punta a proseguire nella sua crescita per divenire uno dei più grandi murales mai fatti in un edificio scolastico.