BREVE

PESCARA, EX FEA ALLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

227

PESCARA. La Giunta regionale ha approvato una delibera con la quale concede in uso gratuito alla Fondazione Pescarabruzzo il complesso immobiliare ex Fea a Pescara, per un programma di straordinaria valorizzazione che prevede la realizzazione di un museo con strutture accessorie.

Con la delibera n. 765 del 19 settembre 2015 la Giunta Regionale aveva stabilito di “assumere il complesso immobiliare denominato ex Fea quale bene patrimoniale da rendere funzionale per il potenziamento culturale, sociale e turistico della città di Pescara”. Con la successiva delibera n. 556 del 30 agosto 2016 è stato approvato lo schema di avviso pubblico per una “Indagine esplorativa finalizzata all’acquisizione di manifestazioni di interesse per la valorizzazione, mediante concessione in uso gratuito, del complesso immobiliare denominato Ex Fea”.

Al termine del 4 ottobre 2016 risultavano pervenute due proposte: una della Fondazione Pescarabruzzo e l’altra della società Insight & CO.

Nella seduta di Giunta odierna il Presidente D’Alfonso ha provveduto ad illustrare le proposte pervenute, proponendo, tra le due, di fare propria quella presentata dalla Fondazione Pescarabruzzo in quanto ritenuta maggiormente coerente con il potenziamento culturale, sociale e turistico della città di Pescara, prevedendo la stessa la valorizzazione dell’immobile mediante la realizzazione di un polo culturale di attrattività nazionale ed internazionale denominato Fea-Feed your experience of art.

In particolare, il progetto prevede il restauro dell’antica stazione terminal della ferrovia Pescara-Penne, nonché la rifunzionalizzazione della palazzina un tempo adibita ad ufficio. Si prevedono spazi espositivi per un totale di 2.495 mq, servizi museali accessori per 260 mq, giardini arredati con sculture e altre forme innovative di espressione artistica.

La Giunta ha anche dato mandato alla Direzione competente di attivare identici programmi di valorizzazione sulle città di L’Aquila, Chieti e Teramo.