POLTRONE

Autorità di Gestione Integrata dei Rifiuti, 60 sindaci chiedono uno stop a D’Alfonso

Avanzata richiesta di rinviare l’assemblea

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

365

Autorità di Gestione Integrata dei Rifiuti, 60 sindaci chiedono uno stop a D’Alfonso

 

 

ABRUZZO. Sono oltre 60 i Sindaci dei Comuni abruzzesi che hanno sottoscritto una nota inviata al presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, e al commissario straordinario dell’Autorità di Gestione Integrata dei Rifiuti, Piergiorgio Tittarelli, con la quale chiedono il rinvio della seduta di insediamento dell’assemblea dei sindaci per la costituzione dell’AGIR convocata per il 31 maggio. Lo rende noto il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, tra i promotori dell’iniziativa.

 

«Diversi Comuni della Regione, nelle prossime settimane, saranno chiamati al voto per l’elezione dei nuovi sindaci – precisa Di Primio - Chiamare a decidere su questioni così importati per l’intero Abruzzo amministratori che, nel volgere di una settimana, potrebbero non più ricoprire il ruolo di primo cittadino, indebolisce il significato del predetto voto. A ciò si aggiunga che la città di Teramo, al momento, è amministrata da un Commissario e, quindi, verrebbe a mancare, nella costituenda Assemblea, la reale espressione di rappresentanza di uno dei quattro capoluoghi abruzzesi. La scadenza elettorale che vedeva coinvolti numerosi Comuni, facciamo notare, fu motivo di rinvio dell’Assemblea anche lo scorso anno»

 

Ma Di Primio spiega che ci sono anche altri aspetti, «non secondari», che rendonerebbero «più che auspicabile, necessario», il rinvio della riunione.

Il sindaco di Chieti fa riferimento alla mancanza di regole chiare sulle modalità di votazione per poter procedere alla elezione del presidente e dei componenti del Consiglio Direttivo, nonché alla nomina del Direttore Generale e del Revisore unico dei conti.

«Inoltre, al fine di verificare la regolarità della convocazione dell’Assemblea, chiediamo di conoscere il numero ed i nominativi dei Comuni che hanno approvato lo Statuto dell’Agir ed il relativo Schema di Convenzione. Infine, nulla viene detto della normativa regionale in merito al principio della rappresentanza di genere che così stando le cose, non verrebbe garantita», chiude Di Primio.