SOCIETA' PUBBLICHE

Licenziamenti 46 dipendenti Sistema, sindacati chiedono incontro urgente con Regione

Chiesta anche definizione dei servizi minimi

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

140

Licenziamenti 46 dipendenti Sistema, sindacati chiedono incontro urgente con Regione

 

 

ABRUZZO. Le segreterie regionali di  Fit Cisl,  Uil Trasporti e  Faisa Cisal chiedono un incontro per due  importanti problematiche che interessano il settore dei Trasporti.

Si tratta della definizione dei Servizi Minimi di trasporto pubblico locale e la procedura di licenziamento collettivo di tutti i 46 dipendenti della Sistema spa (partecipata TUA spa),

I sindacati chiedono un approfondimento rispetto alla vicenda che si sta determinando rispetto alla Delibera di Giunta Regionale 848/c di definizione dei Servizi Minimi di TPL a causa di alcune prese di posizione.

La mancata definizione in tempi brevi di tale strumento di programmazione, fanno notare i sindacati, impedisce il consolidamento dell’affidamento in-house alla TUA spa e l’indizione delle gare per i restanti servizi da affidare comportando l’assoggettamento dell’Abruzzo a ulteriori penalizzazioni sui trasferimenti nazionali a favore del Fondo Regionale Trasporti dal Governo centrale.

Inoltre è stata avviata la procedura di licenziamento collettivo di tutti i dipendenti della Sistema spa (società di cui è socio di maggioranza la TUA spa).

Un epilogo drammatico, per le famiglie interessate: «è la conseguenza di una gestione inadeguata e poco accorta che si sta abbattendo sull’anello più debole della catena: i 46 lavoratori interessati».

Lavoratori che non hanno nessuna responsabilità «rispetto a gestioni disattente e che hanno sempre prestato la loro opera nelle biglietterie con alto senso del dovere e senso di abnegazione».

Dunque i sindacati chiedono di trovare, rapidamente, soluzioni attuabili rispetto al quadro normativo vigente per la salvaguardia dei livelli occupazionali «ma anche sostenibili nell’interesse di non appesantire il già precario quadro economico del settore trasporti».

Le sigle sindacali si rivolgono direttamente al presidente del Consiglio regionale Di Pangrazio al quale si chiede di fissare una data per l’incontro.