SANITA'

Medici di base, proposto taglio delle cure fuori regione

Ipotesi dalla commissione salute della Conferenza delle Regioni

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

659

medico ricette

 

 

ROMA. La Commissione Salute della Conferenza delle Regioni ha annunciato la proposta di un "piano di ridimensionamento nel rimborso delle cure fuori regione".

Lo afferma il segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti, che mette in guardia da tale proposta. In altri termini, sottolinea, "si rischia di non avere più un Sistema Sanitario Nazionale, bensì 20 Sistemi Sanitari Regionali. Bloccando la mobilità sanitaria dei cittadini, vista la situazione Italiana, si creerà un sistema salute fatto di pazienti di serie A e B. Si incrementeranno le diseguaglianze ed evidentemente si darà vita ad un sistema di cure extra regione basato sulle assicurazioni, perché chi dovrà andare fuori regione dovrà pagare di tasca propria".

 

Si sta per assistere, avverte Scotti, "alla fine del Sistema Sanitario Nazionale, per passare ad un più commerciale, e redditizio per alcuni, Sistema Sanitario 'affiancato'. La prospettiva diventa addirittura catastrofica se si pensa alla disomogeneità di cura che esiste sul territorio. Soprattutto, ma non solo, nelle dinamiche Nord-Sud". Esiste, dietro a questa proposta, sottolinea, "una questione sostanziale, etica e morale che va affrontata". Secondo Scotti, infatti, "affidare all'iniziativa privata il compito di provvedere al rimborso delle spese di cura equivale a inserire una postilla all'Articolo 32 della Costituzione: 'La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo'. E' inaccettabile ed è bene che la politica, a partire dalla base e quindi dai livelli regionali, affronti con decisione questo tema. Sottovalutare la portata del cambiamento che si inizia ad insinuare sarebbe pericoloso". La salute dei cittadini, conclude, "non è un bene da vendere, né tantomeno da svendere al miglior offerente. Come medicina generale siamo pronti da subito a impegnarci per ridurre la mobilità sanitaria inappropriata in danno alle casse regionali, ma ci diano strumenti, come abbiamo sostenuto nell'ultimo Accordo collettivo nazionale firmato di cui però attendiamo ancora la ratifica in Conferenza Stato-Regioni".