LA PROROGA

Fino a dicembre rifiuti indifferenziati di Roma in Abruzzo

Sì in Regione Lazio alla proroga del contratto

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

216

Fino a dicembre rifiuti indifferenziati di Roma in Abruzzo

Cogesa di Sulmona

ROMA. I rifiuti indifferenziati di Roma continueranno ad essere smaltiti in Abruzzo.

La giunta regionale del Lazio ha approvato l'attesa delibera che proroga il contratto fino al 31 dicembre, dando la possibilità al Comune di Roma di trasferire 39mila tonnellate di indifferenziato prodotto in città presso due Tmb della regione adriatica.

Secondo il primo accordo firmato all’inizio del 2018 il conferimento sarebbe dovuto andare avanti per soli 3 mesi, poi prorogati, e che alla fine arrivano a 12.

Già 5 mesi fa era nell’aria una proroga dell’accordo per lo smaltimento dei rifiuti romani già dal rinnovo del 2016, dove il termine indicato veniva già considerato differibile

I rifiuti vengono distribuiti su tre strutture: Chieti, Sulmona e Aielli (L'Aquila).

La nuova delibera della giunta regionale lazionale è stata necessaria data la sofferenza degli impianti di proprietà Ama (Rocca Cencia e Salario), una condizione tornata alla ribalta in questi giorni di emergenza rifiuti, l'ennesima con criticità in tutta Roma: cassonetti stracolmi, strade sporche in concomitanza ai ponti del 25 aprile e del 1 maggio, e Ama che fa i salti mortali con task force h24. Da qui la fitta interlocuzione tra Comune e Regione e la scelta di prorogare il contratto.

«L’Amministrazione regionale garantisce una fattiva collaborazione al Comune di Roma per affrontare le criticità relative alla produzione dei rifiuti urbani - ha dichiarato Massimiliano Valeriani, assessore al Ciclo dei Rifiuti della regione - ma ora serve l’impegno di tutte le istituzioni per completare rapidamente la redazione del nuovo Piano Regionale  dei rifiuti».