AVVELENATI

Europa, in Abruzzo ci sono ancora 12 discariche abusive pericolose

L’Italia paga multe salatissime in seguito alla procedura d’infrazione

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

309

Europa, in Abruzzo ci sono ancora 12 discariche abusive pericolose


ABRUZZO. Dagli ultimi dati ufficiali acquisiti presso la Commissione Ue, aggiornati a dicembre 2017, in Abruzzo ci sono ancora 12 discariche abusive da bonificare o da chiudere in riferimento alla sentenza C-196/13 sancita dalla Corte di giustizia europea a dicembre 2014.

Per queste discariche, che costituiscono un grave rischio per la salute umana e l'ambiente, l'Italia, l'Abruzzo e di conseguenza i cittadini, stanno pagando vari milioni di euro di multa considerato che vengono conteggiati 200mila euro di sanzioni ogni sei mesi per le discariche non contenenti rifiuti pericolosi e 400mila euro ogni sei mesi per le discariche con rifiuti pericolosi.


Ecco i comuni dove si trovano le 12 discariche abusive abruzzesi:



Castel di Sangro (Pera Papera-Le Pretare);


Bellante (S. Arcangelo Bellante);


Pizzoli (Caprarecci);


Balsorano (Ricoppi);


Casalbordino (S. Gregorio);


Celenza sul Trigno (Difesa);


Cepagatti (Contrada Aurora);


Lama dei Peligni (Cieco);


Penne (Colle Freddo);


S. Valentino in Abruzzo-Citeriore (Il Fossato);


Vasto (Vallone Maltempo);


Vasto (Lota).







«L'emergenza discariche abusive in Abruzzo continua ad essere preoccupante e inaccettabile - ha commentato l'eurodeputato del M5S Pedicini -.

E' assurdo che a quattro anni dalla sentenza della Corte di giustizia e dopo il continuo pagamento di multe milionarie alla Ue, in Abruzzo ci siano ancora 12 discariche da regolarizzare. Se siamo a questo punto, non possiamo non denunciare i ritardi e le incapacità nell'affrontare l'emergenza da parte del governo nazionale e della Regione Abruzzo.

Fermo restando - ha aggiunto Pedicini - che a marzo 2017 il governo Gentiloni ha nominato il generale dei carabinieri Giuseppe Vadalà, commissario straordinario per realizzare gli interventi di messa in sicurezza e di messa a norma delle discariche abusive, sono gravi le responsabilità politiche che si sono susseguite nel corso degli anni. In particolare, perché le procedure sanzionatorie della Ue sono più di una e poi perché per decenni il tema discariche abusive e gestione dei rifiuti nelle regioni del Sud e in Abruzzo è stato ignorato, mal gestito e troppo spesso lasciato nelle mani della malavita e dei faccendieri politici e imprenditoriali che hanno fatto affari e traffici sporchi sulla pelle dei cittadini».