VOTO A PERDERE

Pasticcio elezioni, anche la Corte d’Appello L’Aquila conferma 8 casi con errori «incorregibili»

A questi si aggiungono 50 verbali con errori giunti dai seggi abruzzesi

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1550

Elezioni 2018, chiusi i seggi lo spoglio in diretta

 

L'AQUILA.  La Corte d'Appello dell'Aquila, dopo quanto fatto nella giornata di venerdì scorso con i sette senatori, stamani ha ultimato in via definitiva le operazioni di proclamazione dei 14 deputati eletti in Abruzzo alla Camera nella consultazione elettorale del 4 marzo scorso.

Stamani, sono state fatte le ultime comunicazioni da parte delle Prefetture agli eletti dopo che riconteggi di voti e stesura dei verbali erano stati chiusi nella giornata di ieri.

Secondo quanto si è appreso da fonti vicine all'Ufficio Centrale Circoscrizionale, il lavoro è stato «molto faticoso, a tratti massacrante» per via dei tanti errori emersi nelle carte inviate dai seggi, in molti casi dovuti alla difficoltà nell' interpretare e applicare la legge elettorale: circa 50 i verbali con errori consegnati dai presidenti di seggio, in riferimento ai quali l'Ufficio centrale è riuscito a ricostruire i risultati e far tornare i conti.

In 8 casi, dichiarati "incorreggibili", è stato impossibile risalire ai conti precisamente; secondo quanto si è appreso balla una decina di voti.

Nei giorni scorsi avevamo individuato due casi eclatanti relativi a Vasto ed Atessa per i quali i voti passati alle prefetture dal Comune erano stati scambiati tra partiti all’interno della coalizione fino a raggiungere risultati insostenibili come lo 0,43% del Pd a Vasto, città guidata proprio da una amministrazione di centrosinistra.

Non sappiamo se quegli errori siano stati corretti e se in qualche modo abbiano avuto effetti distorcendo il voto finale regionale e nazionale.

Non sappiamo neppure quanti errori simili sono stati in realtà compiuti ma da quello che emerge dalle fonti ufficiali è che le difficoltà e gli errori sono stati davvero troppi anche al di là dei calcoli complicati di una legge già abbondantemente contestata.

L'Ufficio Centrale Circoscrizionale composto dal presidente, Aldo Manfredi, e dai giudici Armanda Servino e Luigi Santini, ha inviato i carteggi all'ufficio preposto della Camera dei Deputati.

Da stamani alle 12 e fino a domani i neo deputati si dovranno presentare a Montecitorio per gli adempimenti di rito.

Venerdì è in programma l'insediamento di entrambi i rami del Parlamento.

Abruzzo, ecco tutti i 21 parlamentari eletti

I Deputati eletti in Abruzzo sono Andrea Colletti, Daniele Del Grosso, Carmela Grippa, Antonio Zennaro, Gianluca Vacca, Daniela Torto, Valentina Corneli e Fabio Berardini per il Movimento Cinque Stelle;

Luigi D'Eramo e Giuseppe Bellachioma per la Lega;

Camillo D'Alessandro e Stefania Pezzopane per il Partito Democratico,

Gianfranco Rotondi e Antonio Martino per Forza Italia.

Al Senato gli eletti sono Gianluca Castaldi, Primo Di Nicola e Gabriella Di Girolamo del Movimento Cinque Stelle;

Alberto Bagnai con la Lega;

Nazario Pagano di Forza Italia;

Gaetano Quagliariello di Noi con l'Italia-Udc;

Luciano D'Alfonso del Pd.

Dei 21 parlamentari, 11 sono pentastellati, 3 di Forza Italia, 3 della Lega, 3 del Pd e 1 di Noi con l'Italia-Udc.