CONSULENZE

Consulenti Tua, 6 incarichi all’avvocato personale di D’Alfonso

I dubbi di Forza Italia: «rispettata rotazione?»  

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

5591

Consulenti Tua, 6 incarichi all’avvocato personale di D’Alfonso

 

ABRUZZO. Quasi 21mila euro di incarichi esterni per 6 patrocini legali affidati tutti allo stesso avvocato, alcuni negli stessi giorni, e solo nel 2017.

Sono quelli che la Tua, la società di Trasporto Unica Abruzzese, ha assegnato all’avvocato Carla Tiboni, incarichi che suscitano perplessità secondo i capigruppo  di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri e al Comune di Pescara Marcello Antonelli.

 

I due non hanno nulla da dire sulla professionalità del legale, «non per nulla uno degli avvocati che segue il nostro Governatore D’Alfonso per le sue vicende personali», ma oltre «all’inopportunità politica della sua doppia veste», dal centrodestra ci si chiede se la Tua, che risponde a un presidente di nome Tullio Tonelli e al vicepresidente Guido Dezio (storico braccio destro di D’Alfonso) abbia rispettato o meno il principio di rotazione tra professionisti sancito dalla legge all’interno delle pubbliche amministrazioni.

E’ su questo che Forza Italia andrà ad indagare nella Commissione Vigilanza della Regione Abruzzo, chiedendo a Tua, Ente strumentale della Regione Abruzzo, di poter visionare tutti gli incarichi legali affidati all’esterno dal momento della costituzione della società sino a oggi.

 

GLI INCARICHI

Nello specifico l’avvocato Tiboni risulta aver ricevuto, nel solo 2017, circa 20.900 euro per 6 incarichi professionali per patrocini legali: tre sono stati affidati tutti nello stesso giorno, il 20 marzo 2017, rispettivamente per 6.715 euro il primo, 3.627 euro il secondo, e 1.935 euro il terzo.

«Un giorno davvero molto fortunato per l’avvocato Tiboni, tanto che abbiamo anche pensato fosse il giorno del suo compleanno», ironizzano i due esponenti di Forza Italia, «ma dal curriculum non risulta tale fortunata coincidenza».

I due incarichi successivi portano entrambi la data dell’8 settembre 2017, il primo per 3.267 euro e il secondo per 2.766 euro.

Infine l’ultimo incarico in ordine di tempo affidato ancora nel 2017 porta la data del 18 dicembre per un compenso di 2.625 euro. Insomma, chiede Forza Italia, è stata rispettata la rotazione per quei cinque incarichi legali affidati tutti nelle stesse giornate, tre il 30 marzo del 201

7, altri due l’8 settembre 2017? Il  principio di rotazione avrebbe dovuto prevedere l’affidamento dei diversi patrocini a tre legali diversi, «a meno che nella giornata del 20 marzo non siano stati affidati 50 patrocini, tali da giustificare che tre siano andati allo stesso avvocato».

 Tiboni, negli anni ha avuto diversi incarichi sia al Comune di Pescara che nell'Ente manifestazioni pescaresi e alla Asl di Chieti ed è stata anche candidata con il Pd. 

In molte occasioni pubbliche il presidente-senatore D'Alfonso ha più volte dichiarato di avere uno stuolo di avvocati pronto a difenderlo gratis tra cui ha espressamente citato sia Milia che Tiboni aggiungendo di essere uscito indenne per 53 volte da inchieste a suo carico (anche con qualche prescrizione).

Tiboni risulta anche difensore personale dell'assessore alla sanità e bilancio, Silvio Paolucci.

Sull’altro aspetto, ovvero il fatto che l’avvocato personale del governatore abbia incarichi nella partecipata della Regione potrebbe essere «inopportunità politica» ma non è una novità.

Negli anni passati un incarico di peso è stato trovato per Daniela Valenza che ha collaborato strettamente con lo studio Milia nella efficace difesa nel processo Housework di D’Alfonso.

Ex lavoratrice precaria del Comune dell'Aquila, molto vicina al Pd, a marzo del 2016 è stata nominata alla presidenza dell’Ersi ed è poi diventata segretaria di giunta.