IL FATTO

Capitaneria. Ampliamento abusivo dello stabilimento balneare: denunciato titolare

Sanzioni tra San Salvo e Casalbordino

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

739

VASTO. Nei giorni scorsi lungo il litorale tra San Salvo e Casalbordino i militari della Guardia Costiera di Vasto hanno posto sotto sequestro alcuni locali adibiti a sala ristorante abusivamente realizzati presso una concessione turistica e sanzionato altri due stabilimenti balneari per assenza del bagnino.

A seguito dell’ampia campagna di prevenzione e sensibilizzazione svolta dal personale della Guardia Costiera, sono proseguiti i controlli tesi a verificare il rispetto delle Ordinanze Balneari e delle norme sulla gestione del demanio marittimo che hanno portato nel corso degli ultimi giorni ad individuare e perseguire alcuni significativi illeciti.

Nello specifico è stato denunciato un concessionario di uno stabilimento balneare dopo che sono state accertate innovazioni non autorizzate in difformità ai titoli concessori.

Sono state infatti realizzate alcune strutture ed in particolare è stato costruito un locale di notevoli dimensioni completo di strutture solide, infissi e vetrate destinato a sala ristorazione difforme dal titolo concessorio e per tali motivi il responsabile è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

I controlli della Guardia Costiera di Vasto a tutela della sicurezza dei bagnanti hanno portato, inoltre, a constatare l’assenza del bagnino in alcune postazioni di salvataggio di altri stabilimenti balneari. Mentre in un caso il bagnino era assente proprio nell’ora di punta, quando gli specchi acquei interessati erano affollati da numerosi turisti, nell’altra occasione lo stabilimento era del tutto privo del servizio di assistenza bagnanti e pertanto il responsabile è stato precauzionalmente diffidato a sospendere le attività di balneazione presso il lido.

Tali gravi comportamenti sono stati perseguiti con l’elevazione di multe salate che arrivano fino a 3000 euro ciascuna ed il bagnino disattento verrà segnalato alla società di salvamento per ogni valutazione circa l'eventuale revoca del brevetto.