NELLA NOTTE

Pescara. Due bombe per entrare nell’ufficio postale di via Passo Lanciano

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3036

 

PESCARA. Ore 4.20 due esplosioni avvertite nettamente in città una dopo l’altra.

Due boati che hanno sorpreso e svegliato i residenti di via Passo Lanciano a Pescara.

L’obiettivo dei malviventi era entrare nell’ufficio postale centrale in piena notte per fare razzia.

L’ufficio si trova nello stabile nel quale vi sono anche gli uffici della Provincia di Pescara e della Regione.

I danni sembrano consistenti soprattutto all’entrata.

Sul posto sono subito arrivate le volanti della Polizia e i malviventi si sono dati alla fuga. I soldi contenuti nel dispositivo bancomat, circa 70mila euro, secondo le prime informazioni, sono stati abbandonati e i malviventi sarebbero fuggiti a mani vuote.

Ingenti, a seguito dell'esplosione, i danni alla struttura.

Sul posto sono intervenuti anche gli artificieri della Polizia di Stato che hanno portato avanti un delicato intervento per disinnescare un secondo ordigno inesploso.

Intervenuta, per gli accertamenti del caso, anche la Polizia scientifica.

Le indagini sono a cura della squadra Mobile, che sta visionando le immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza.


E’ la prima volta dopo molti mesi che un colpo del genere viene messo a segno in pieno centro a Pescara e persino il sabato sera, a due passi dalla stazione centrale, dove la movida si era appena acquietata.

E’ il segnale che la delinquenza organizzata spesso pugliese, che da anni colpisce i piccoli paesi sventrando bancomat e uffici postali, si è fatta più agguerrita e non teme di rischiare grosso.