IL FATTO

Ecco il nuovo Emiciclo: rinnovato e più sicuro

Ieri giornata di inaugurazione e festa

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

288

 

L'AQUILA. Giorno di rinascita per L'Aquila. A nove anni dal sisma del 6 aprile 2009, con 309 morti, 1.600 feriti, circa 80mila sfollati, macerie e distruzioni, è stato inaugurato il palazzo simbolo di questo riscatto, l'Emiciclo, sede del Consiglio regionale dell'Abruzzo.

Dopo il terremoto, l'edificio è stato vicino al crollo per i forti danneggiamenti subiti.

Oggi è la prima riconsegna di un Palazzo monumentale con finalità di edificio pubblico recuperato con tecniche antisismiche all'avanguardia in Italia e in Europa.

Ieri grande festa ed auto esaltazione nonostante l’incredibile ritardo accumulato in questa come nella grandissima parte delle opere di ristrutturazione post sisma.

A sottolineare il valore della giornata il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e tutte le più alte cariche dello Stato.

 

Taglio del nastro con l'Inno di Mameli intonato dal tenore abruzzese, Aleandro Mariani. Poi il 'Recital' di Simone Cristicchi. Sabato 23 e domenica 24 giugno porte aperte dalle 9 alle 20 con orario continuato. Il recupero, costato 8,8 mln di euro, e i cui lavori sono iniziati nel novembre 2015 per terminare a tempo di record a opera di tre ditte riunite in un Raggruppamento temporaneo di Impresa, ha ribaltato il concetto di antisismicità.

Infatti, anziché lavorare sull'incremento della resistenza, con danni architettonici, l'edificio è stato messo in grado di sopportare la 'sollecitazione' grazie all'isolamento della base dal terreno.

IL SISTEMA

Un sistema di isolamento composto da 61 dispositivi di tipo elastomerico, cui si affiancano 47 appoggi scorrevoli multidirezionali, ovvero slitte. Queste le caratteristiche antisismiche all'avanguardia in Europa su cui poggia il Palazzo dell'Emiciclo.

 

L'intervento di ristrutturazione e riqualificazione interessa una superficie di circa 6000 metri quadri per un importo che riguarda tutto il complesso monumentale pari a 8,8 milioni di euro. Il finanziamento del Cipe risale al marzo del 2013 e l'inizio dei lavori al novembre del 2015. Un edificio di "importanza strategica" di cui viene assicurata la piena operatività.Ma anche simbolico-istituzionale.

Di rilievo la vetrata, la biblioteca, il giardino d'inverno, la sala Ipogea, la riconnessione esterna con la Villa Comunale dell'Aquila, e il restauro della facciata. Facciata che si presenta con un ricco portico di stile ionico in forma semicircolare, mentre il livello superiore di stile corinzio posa su una larga terrazza corrispondente al portico sottostante. Nel mezzo del porticato due bassorilievi e alle estremità due aquile. Uno dei bassorilievi rappresenta l'Italia che distribuisce ai vincitori le corone che piccoli geni le porgono; l'altro rappresenta la storia che scrive sulla tavoletta i fasti che la fama con la tromba tramanda. Nel 1888 ospitò l'Esposizione regionale.

 

Quattro le tipologie delle soluzioni adottate dalle ditte che fanno parte del Raggruppamento temporaneo di Impresa, Rosa Edilizia, Ricci Guido e Elettroidraulica Silvi, e che si sono occupate degli interventi sul Palazzo dell'Emiciclo: drastico abbassamento dell'accelerazione alla base dell'edificio tramite isolamento; riqualificazione delle parti storiche e monumentali; nuove soluzioni per il miglioramento energetico e sostenibilità ambientale; reintegrazione del complesso regionale con lo spazio urbano e il centro storico dell'Aquila.

Ecco la squadra che ha operato: - Progettisti: responsabile progettazione ing. Riccardo Vetturini (Ingenium società di ingegneria); - Strutture: ing. Riccardo Vetturini, ing. Giacomo Di Marco, ing. Walter Cecchini - Progetto architettonico: prof. arch. Lucio Zazzara, ing. Giacomo Di Marco; - Coordinatore per la sicurezza: geom. Gabriele Mantini; - Impianti: ing. Antonello Bottone; - Restauratrice: dott.ssa Jenny Rolo; - Geologo: dr. Gaudenzio Leonardis; - Consulente strutture: prof. ing. Antonio Borri; - Archeologia: dott.ssa Roberta Leuzzi.

TEMPISTICA CANTIERE: Finanziamenti Cipe: marzo 2013 Indizione gara:giugno 2013 Aggiudicazione gara:novembre 2014 Conclusione ricorsi amministrativi:settembre 2015 Inizio Lavori: novembre 2015 Fine lavori: giugno 2018.

  

«Oggi, per la Regione Abruzzo, per tutti gli abruzzesi e anche per me personalmente, è un giorno di immensa gioia, perché tutti insieme siamo chiamati a vivere un simbolo di rinascita, di apertura al futuro e alla speranza», dice il presidente del Consiglio regionale d'Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio. Emiciclo «casa della democrazia», per il presidente della Giunta Regionale, Luciano D'Alfonso. La giornata è stata anche l'occasione per fare il punto sui danni da disastri naturali con un convegno internazionale cui hanno partecipato tra gli altri il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, e il geologo Mario Tozzi. Solo in Italia, è emerso, si stima che il costo delle ricostruzioni post-sismiche degli ultimi 50 anni sia stato pari a circa tre miliardi all' anno, che salgono a oltre quattro considerando anche i danni dovuti a frane e alluvioni. E dalle Assemblee regionali la richiesta di rivedere la disciplina di 'aiuti di Stato' nel dopo catastrofi.