INQUINAMENTO

Idrocarburi nel fiume Pescara dal Torrente Arolle e nessuno se ne era accorto

La SOA scrive agli enti. Le immagini fotografiche e video

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

655

 

ABRUZZO. Copiose fuoriuscite di idrocarburi dal Torrente Arolle a Tocco da Casauria continuano ad interessare il Fiume Pescara.

Le immagini raccolte il 22 aprile scorso dalla Stazione Ornitologica Abruzzese durante un sopralluogo sono letteralmente impressionanti, con ponti, sponde, pietre e alberi vistosamente sporchi di idrocarburi; ne è seguita una dettagliata segnalazione agli enti da parte dell'associazione.

 

Quella degli idrocarburi al Torrente Arolle è una storia che mette insieme interessanti fenomeni naturali, interventi antropici di secoli per lo sfruttamento di una risorsa naturale e abbandono da decenni dei manufatti. Una condizione che sicuramente dovrebbe vedere un intervento di verifica e di mitigazione da parte delle autorità, chiede la Soa, e anche di valorizzazione e di ulteriore studio del territorio per quanto riguarda le questioni riguardanti l'archeologia industriale e la storia naturale del paese.

 

A causa di un fenomeno naturale noto ma abbastanza raro in Italia, da una zona di sorgenti sulfuree escono idrocarburi che si riversano nelle acque del torrente Arolle che a sua volta si getta nel Fiume Pescara dopo alcuni chilometri. In occasione di periodi di precipitazioni intense la fuoriuscita diventa addirittura copiosa, tanto che esistono notizie risalenti al medioevo relative alla raccolta degli idrocarburi da parte della popolazione con metodi rudimentali.

 

 

Tra il 1860 e il 1870 l'area fu data in concessione a diverse aziende che avviarono i primi interventi di sfruttamento industriale degli idrocarburi, con la realizzazione di vasche di raccolta per decantazione (i cui resti sono ancora visibili) e la perforazione di pozzi, addirittura a soli 5 anni di distanza dallo scavo del primo pozzo negli Stati Uniti.

 

Le strutture furono presto abbandonate per il rapido declinare della produzione e fino al 1930 ci furono solo alcuni tentativi poco fruttuosi per riattivare le operazioni di sfruttamento. Solo dagli anni '30 e fino al 1958 AGIP scavò con maggiore intensità una trentina di pozzi, alcuni dei quali risultarono produttivi. Anche qui l'abbandono arrivò presto.

 

Da allora, saltuariamente, ci fu interesse per la vicenda solo dal punto di vista della storia dello sfruttamento degli idrocarburi, peraltro con interventi rimasti sostanzialmente tra gli addetti ai lavori come geologi e storici.

 

L'aspetto ambientale di questa storia fu invece colto dal giornalista Umberto Braccili con un servizio al TGR una quindicina di anni fa, intervento che non ebbe seguito da parte degli enti.

 

Successivamente la redazione di una tesi di laurea nel 2009 da parte di uno studente, Roberto Iride, della facoltà di Geologia dell'Università di Chieti (relatore Prof. Sergio Rusi) ha fornito notevolissime informazioni sugli aspetti di idrogeologia delle due sorgenti, con tanto di analisi delle acque da parte dell'ARTA.

 

Queste tra il 2008 e il 2009 presentavano valori elevatissimi di idrocarburi (anche oltre 4.000 microgrammi/litro), con il rilascio in acqua di sostanze pericolose quali benzene, toluene, etilbenzene, trimetilbenzene.

 

Nella tesi si sottolineava la necessità di mitigare il fenomeno e si proponeva la riattivazione di vasche di decantazione e il posizionamento di filtri, soprattutto in occasione di fenomeni di piena.

 



«NON E’ STATO FATTO NULLA»

«Da allora a nostra conoscenza non è stato fatto nulla e continuano ad arrivare lamentele da parte dei cittadini del posto per i cattivi odori che in determinate occasioni si sentono a centinaia di metri di distanza, anche per via di alcuni sbarramenti artificiali che determinano un ristagno delle acque», denunciano gli ambientalisti.

 

Nel 2015 il Forum H2O, pur senza riferirsi specificatamente a questa situazione, scrisse ai ministeri e agli enti di tutte le regioni, Abruzzo e ARTA compresi, chiedendo lumi sui monitoraggi dei 7.000 pozzi di idrocarburi abbandonati in Italia, considerata l'esistenza di numerose pubblicazioni scientifiche che accertano la contaminazione delle acque sotterranee e superficiali a causa del cattivo isolamento dei pozzi, soprattutto se abbandonati. Non ci fu risposta.

 

Il 30 aprile scorso la Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus, tenuto conto anche di alcuni dati di presenza di idrocarburi nelle acque e nei sedimenti del Fiume Pescara, ha scritto una dettagliata lettera a tutti gli enti a vario titolo competenti, dai Ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo Economico alla regione, dai Carabinieri-Forestali ai comuni, per chiedere un intervento.