ABRUZZESI DIMENTICATI

La storia di Giuseppe Di Scipio: da giovane tipografo a massimo studioso di Dante negli Usa

Professore universitario emigrato era nato a Crecchio nel 1946

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

148


ABRUZZO. Giuseppe Carlo Luigi Di Scipio nacque a Crecchio, in provincia di Chieti, il 29 dicembre del 1946 da Alfredo e Irene Blasioli. In Italia studiò  presso i Sacerdoti missionari di San Paolo Apostolo (“Paulist Fathers”) dove apprese l’arte-mestiere di tipografo. La sua esperienza lo portò a contatto quotidiano con libri d’ogni sorta.


Questa opportunità  scatenò in lui una insaziabile passione per la lettura che durò tutta la sua vita. Nel 1963 giunse negli Stati Uniti e qui conseguì la laurea presso  l’Hunter College di Manhattan. Successivamente ottenne il dottorato in letteratura comparata presso il CUNY Graduate Center . Divenne professore ed insegnò alla “New York University”, alla “Fordham University” ed infine al “suo” Hunter College dove divenne professore ordinario. Sempre all’Hunter College ricoprì la carica di Preside del dipartimento di lingue romanze e questo fino al 2011. Era ritenuto da tutti uno dei massimi studiosi di Dante Alighieri. Ottimo conoscitore e professore della storia del  Medioevo e del Rinascimento. Fu anche professore di letteratura comparata presso la “Graduate Center “. Ha scritto innumerevoli articoli e saggi, ha curato e scritto libri, firmato recensioni e ha tenuto centinaia di conferenze internazionali. Tra i suoi lavori meritano di essere ricordati: “Telling Tales” Medieval Narrativesand the Folk Tradition; “The Presence of Pauline”; ”Dante’s Lyric Poetry” e “The Divine Comedy and Encyclopedia of Arts and Sciences “. Dalla moglie Ada ebbe tre figli Daniela, Adriana e Alfredo. Giuseppe Carlo Luigi Di Scipio morì il 15 giugno del 2013.

Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame”