ABRUZZESI DIMENTICATI

La storia di Luigi “Luis” Carlini, l’abruzzese divenuto grande giornalista sudamericano

Realizzò l’Anuario de Futbol Argentino, opera fondamentale per la storia del calcio argentino

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

89

 

 

ABRUZZO. Luigi Carlini nacque a Lanciano, in via Largo Bandiera, il 27 maggio del 1888 da Filippo (trentatreenne “maniscalco”) e Anna Torriero (ventisettenne “lavoratrice”). I suoi genitori si erano sposati il 26 dicembre del 1878. Quasi subito dopo la nascita del piccolo Luigi il padre decise di emigrare, con tutta la famiglia, per la lontana Argentina.

Nel paese sudamericano il padre continuò il mestiere di “maniscalco”. Luigi, ora divenuto “Luis”, mostrò da subito una intelligenza assai vivace. Intraprendente e capace negli studi scelse, da subito, la strada del giornalismo sportivo. Già nel 1907 era caporedattore sportivo de “La Argentina”. Lo fu poi a “El Diario” fondato da Manuel Mujica Láinez e, successivamente, al giornale “Ultima Hora”. Infine, a coronamento di una brillante carriera, sarà una delle più prestigiose firme sportive del quotidiano “La Nación”.

Luis, uomo di una vitalità unica, sarà poi fondatore dello “Sport Club Argentino”, tra i promotori de “Automóvil Club Argentino” e del “Moto Club Argentino” oltre che della nascente “Confederación Argentina de Deportes” (riunisce tutti gli sport in generale, olimpici e non olimpici). Ma è al calcio che Luis Carlini dedicò tutto se stesso. Questa sua passione lo portò a realizzare, nel 1938, un’opera ritenuta “storica” per lo sport argentino: l’Anuario de Futbol Argentino che grazie a lui uscirà fino alla metà degli anni ’50.

Una vera “Enciclopedia del Calcio” che lui curava in ogni particolare, dalla meticolosa e precisa ricerca dei dati fino alla stampa e alla rilegatura. Lui amava dire “è il mio passatempo”. In realtà quello che per lui era solo un “ passatempo” è oggi ritenuta un’opera fondamentale per chiunque voglia conoscere e ricostruire la storia calcistica dell’Argentina di quegli anni. Anche in Uruguay e in Brasile l’Anuario de Futbol Argentino di Carlini venne utilizzato e ritenuto fondamentale per meglio conoscere giocatori e squadre di calcio . Luigi “Luis” Carlini morì a Buenos Aires nel 1961.

Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame”