GOSSIP E POLITICA

Pezzopane ancora in tv e la D’Urso la difende: «non è cretina e ama chi vuole»  

Lacrime e commozione pensando al fratello Fabrizio morto in autunno

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2577

ABRUZZO. «Sono molto orgogliosa di aver portato Simone Coccia al Grande Fratello. Stefania Pezzopane è una donna intelligente, se sta da 4 anni con lui ci sarà un motivo. Non è una cretina. Bisogna smetterla di giudicare, ognuno è libero di amare chi vuole: alto, basso, gay, bisessuale».

Difesa «con il cuore» da parte di Barbara D’Urso alla deputata abruzzese Stefania Pezzopane che ieri pomeriggio a ‘Domenica Live’ è tornata a parlare del suo amore.

Non sono mancate le lacrime quando ha raccontato della vita difficile del suo compagno ma anche quando ha ricordato suo fratello, Fabrizio Pezzopane, scomparso ad ottobre scorso.

Nelle scorse settimane la parlamentare del Pd aveva lasciato intendere che sarebbe rimasta in disparte a guardare l’avventura televisiva del suo fidanzato.

Invece giornali, radio e televisioni la cercano e lei non si sottrae. Sfoggia un taglio e un colore nuovo di capelli, come sottolinea la conduttrice, e si libera di tutti i pensieri.

Pezzopane ha ribadito che il suo è un amore sincero, si è scagliata nuovamente contro quegli amici che l’hanno abbandonato dopo l’inizio della sua relazione e ha ammesso che ancora oggi alcune considerazioni la lasciano spiazzata.

«Qualcuno mi ha chiesto se non mi avesse imbarazzato il costume verde che Simone ha indossato nella prima puntata. Ma che domanda è? Il Grande Fratello è un gioco e lui sta giocando».  


«UN GRANDE AMORE»

Pezzopane ha detto anche di non avere dubbi sull’amore di Simone: «sono una donna matura, non sono una bambina, conosco gli uomini, so percepire l’inganno. So che siamo una coppia mediatica che interessa e a volte ci sono persone intorno a noi che se ne approfittano per guadagnare».

La deputata ha pure ribadito di non essere rimasta particolarmente sconvolta dagli sms che Simone ha scritto a Lucia Bramieri: «se qualcuno li dà in pasto a qualche rivista vuole dire che vuole diventare protagonista di qualcosa, che è in cerca di pubblicità. Io conosco Simone e so quanto è giocherellone, fa questi giochi anche allusivi. Lo conosco bene. Un amore profondo non finisce per qualche allusione. Io non sto giocando e credo nemmeno lui. Stiamo insieme da 4 anni, accadono tante cose, c’è la quotidianità,  vuole dire che c’è qualcosa di importante. Ci divertiamo, ci amiamo, lui mi accompagna, io lo seguo. E’ tutto molto bello».




DALL’ETA’ ALL’ALTEZZA PASSANDO PER I SALOTTI BUONI

Pezzopane ha poi elencato le varie contestazioni mosse ai due, fin dall’inizio della loro relazione: «hanno iniziato a contestare la differenza d’età poi si è passati alla statura che trovo sia un argomento di discussioni orrenda. Sono abituata ma a chi ha problema con le persone piccine consiglio di andare da un bravo psicoterapeuta».

Tra l’altro proprio l’altezza della parlamentare è stata al centro di alcune frasi dette nella casa e che per poco non hanno portato ad uno scontro tra Luigi Favoloso e Simone Coccia.

Pezzopane ha ammesso che un’altra questione spesso messa in ballo dai detrattori riguarda il ceto sociale: «io sono una parlamentare e Simone viene dalla strada ma a me non importa.

Qualche amica mi dice che Simone nel salotto buono ci sta male.  Invece di portarlo in un salotto buono, andiamo insieme a fare una passeggiata sul Gran Sasso e sto molto meglio. Non mi servono gli amici finti».



IL PADRE MAI CONOSCIUTO

Pezzopane si è poi commossa quando ha raccontato che il suo compagno non ha mai conosciuto il proprio padre: «ha vissuto i primi anni della sua vita con una mamma amorevole ma in condizioni difficili. Poi è andato in missione in Albania a 17 anni, ha provato tutti i mestieri del mondo, ha fatto anche errori come tutti,  aveva un sogno e sta cercando di raggiungerlo. Sono la sua compagna e non credo di aver diritto a fermare nessun sogno semmai a condividerlo».


GLI ALIMENTI

Barbara d’Urso ha poi mostrato a Pezzopane un articolo di un settimanale in cui la ex moglie di Coccia racconta di averlo denunciato perché non paga gli alimenti al loro figlio.  «Si approfitta del fatto che è nella casa del Grande Fratello, il figlio Loris ha il mio numero, se ha bisogno di me può chiamarmi», ha replicato la parlamentare che ormai la questione è «materia di avvocati» e si sa: «Chi dice le bugie paga prezzo».