IL CASO

Viabilità Pescara, le isole pedonali della discordia cambiano faccia

Super striscia arancione e gradino ‘piallato’

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

8048

 

 



PESCARA. Dopo le proteste e l’annuncio delle relative modifiche per evitare incidenti stradali ieri i lavori sono stati completati.
La riviera nord è stata riaperta al traffico alle 5 di mattina dopo la ‘limatura’ delle sagome delle quattro isole salva pedoni già installate. Confcommercio le aveva definite «pericolosissime»  e si era augurata che il Comune provvedesse a rimuoverle prima che si registrasse qualche incidente. Molti cittadini avevano segnalato quella presenza anomala che rischiava di trasformarsi, soprattutto nelle ore notturne, in un improvviso ostacolo per gli automobilisti. Aveva protestato anche il consigliere comunale del Pd, Antonio Blasioli, che aveva puntato l’attenzione sui problemi all’eventuale passaggio di un’ ambulanza o dei vigili del fuoco o di un autobus».
Troppe critiche e osservazioni sensate (probabilmente non analizzate in fase di progettazione): da qui la decisione dell’amministrazione Mascia di inserire la marcia indietro: adesso sono stati eliminati i cordoli di perimetro, la segnaletica è stata colorata di arancio per renderla più evidente, contando anche sulla presenza, accanto agli attraversamenti stradali, degli occhi di gatto catarifrangenti, proprio a tutela dei pedoni. In questo modo anche se le auto dovessero ‘salire’ sull’isola non ci saranno problemi perché la superficie non è rialzata.


«Dopo dieci giorni», spiega adesso l’assessore Berardino Fiorilli, «abbiamo deciso che era meglio ridurre le dimensioni delle ‘isole salvapedoni’, modificandone forma e spessore, dunque eliminando i cordoli sovrarialzati, e di fatto adeguandoli alle isole già esistenti e perfettamente funzionanti sulla riviera sud, garantendo le misure di sicurezza sia per i pedoni che per automobilisti, ciclisti e scooteristi, per i quali comunque resta valida l’istituzione della ‘Zona 30’».
Per due giorni è stato chiuso il traffico nel tratto di riviera nord compreso tra via Cavour e via Cadorna, con le deviazioni delle auto sulle vie perpendicolari e parallele al litorale, che hanno prodotto, specie nelle ore diurne traffico e rallentamenti dovuti anche alla concomitante chiusura di altre strade, come via Caravaggio.
Ieri pomeriggio proprio la corsia di marcia lato mare lungo via Caravaggio, nel tratto compreso tra via Tripoti e via delle Fornaci, è stata riaperta. Lì è in corso la realizzazione delle nuove condotte necessarie per eliminare il rischio allagamenti nella zona. «I due provvedimenti», assicura Fiorilli, «hanno restituito ossigeno alla viabilità urbana, subito tornata alla normalità, senza più rallentamenti né ingorghi».